Un altro balzello insopportabile: si dovrà pagare l'Imu agricola, ecco a chi tocca

Cia, Confagricoltura e Anci dell’Umbria hanno ritenuto che, in attesa della conversione in legge del decreto, sia opportuno sospendere il versamento dell’imposta. La rabbia del M5S: "E' il solito pasticcio firmato Renzi"

 Per adesso bisogna solo pagare e sperare che il ricorso al Tar - quello nuovo - e le battaglie parlamentari possano modificare la legge che sia i sindaci dell'Umbria che associazioni di categoria come Cia e Confagricoltura considerano ingiusta e penalizzante. Domani scadono i termini dell'odiata Imu agricola (2014) e dovranno pagare ai comuni - semplici cassieri del Governo Renzi - tutti i proprietari di terreni che si trovano nei Comuni non montani, con un’altitudine al centro inferiore a 281 metri e che non possiedono la qualifica di coltivatori diretti e di imprenditori agricoli professionali dovranno mettere mano al portafogli.

"Verranno - ha spiegato in conferenza stampa Brugnoni della Cia -  colpiti proprio i terreni sui quali operano tanti giovani agricoltori umbri insediatisi negli ultimi anni seguendo le indicazioni della politica agraria dell’Unione europea. Resta inaccettabile il criterio, meramente contabile e statistico, adottato dal governo per disciplinare l’esenzione dall’IMU. Per quanto riguarda i Comuni parzialmente montani tale criterio non tiene in alcun conto sia l’effettiva situazione produttiva dei terreni su cui grava l’imposta, sia le caratteristiche soggettive dei proprietari e dei conducenti degli stessi".  Cia, Confagricoltura e Anci dell’Umbria hanno ritenuto che, in attesa della conversione in legge del decreto, sia opportuno sospendere il versamento dell’imposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sullo stesso fronte sta lavorando anche il deputato Filippo Gallinella (M5S) che ha presentato un emendamento chiedendo lo slittamento del tributo al 2016 per apportare le giuste modifiche.  "Il pasticcio creato da Renzi – conclude Gallinella - danneggia contemporaneamente i contribuenti e gli enti locali costretti a fare cassa con la nuova imposta dopo il taglio dei finanziamenti centrali. Una guerra fra poveri che va subito fermata”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento