Imu agricola, Governo ridiscuterà imposta: soddisfatta la Cia

Cia, Confagricoltura e Copagri sono soddisfatti della decisione della Camera sulla revisione dell'Imu agricola. Per le organizzazioni umbre è un bel risultato sopo la manifestazione indetta davanti Montecitorio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

Cia, Confagricoltura e Copagri commentano positivamente l’ok all’ordine del giorno che impegna l’esecutivo a rivedere la nuova imposta sui fabbricati rurali: "La nostra manifestazione unitaria davanti a Montecitorio ha sortito il primo effetto".
 
Grande soddisfazione, dunque, è stata espressa dalle suddette organizzazioni per il sì bipartisan della Camera all’ordine del giorno sul decreto Liberalizzazioni che prevede l’impegno del Governo a “promuovere una revisione dell’Imu” per le aziende agricole.

Si tratta di un primo risultato che fa seguito alla manifestazione di protesta indetta proprio oggi davanti a Montecitorio da tutte e tre le organizzazioni.

Una mobilitazione che ha portato a Roma agricoltori da tutt’Italia, uniti per dire “no” a un’imposta iniqua e insostenibile che così com’è -spiegano Cia, Confagricoltura e Copagri- "determinerà un vero e proprio salasso da 1,5 miliardi di euro per l’intero settore. Mettendo a rischio la sopravvivenza di oltre 200mila imprese".

La decisione della Camera è una dimostrazione della sensibilità delle forze politiche presenti in Parlamento che, d’accordo con il mondo agricolo, auspicano che si riveda effettivamente il meccanismo dell’Imu -concludono le tre organizzazioni- prima che il provvedimento diventi legge.

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento