menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus ed economia, individuare percorsi condivisi a sostegno dell'economia

Dopo l'incontro tra Anci Umbria e Confcommercio verrà istituito un comitato di lavoro congiunto

Anci Umbria e Confcommercio Umbria insieme per supportare ulteriormente le imprese locali attraverso l'istituzione di un Comitato tecnico.

E' quanto è stato concordato ieri, nel corso di un confronto richiesto da Confcommercio Umbria ad Anci Umbria cui hanno preso parte il presidente di Anci Umbria facente funzione, Michele Toniaccini, il coordinatore dei Piccoli Comuni dell’Umbria, Federico Gori, il sindaco di Monte Santa Maria Tiberina, Letizia Michelini, membro dell'Ufficio di presidenza insieme al sindaco di Spello Moreno Landrini; con loro, il presidente di Confcommercio Umbria, Giorgio Mencaroni, altri rappresentanti dell’associazione e l’assessore al Comune di Perugia, Clara Pastorelli.

L’incontro si è concluso con il comune accordo di "istituire un Comitato di lavoro per l’emergenza composto da una rappresentanza di Anci Umbria e di Confcommercio Umbria per definire progettualità e misure utili nell'immediato, ma con la prospettiva che possa continuare a operare anche successivamente, per concordare insieme lo sviluppo futuro dei territori e delle imprese".

Espressa anche la volontà di confrontarsi con la Regione Umbria per verificare eventuali disponibilità di risorse cui i Comuni potrebbero attingere subito per ridefinire tasse e tariffe del settore commercio.

"Siamo ancora nel pieno di una pandemia mondiale – ha commentato il presidente Toniaccini – e tutte le situazioni e le decisioni hanno carattere straordinario. I Comuni hanno fatto e continueranno a fare ciò che è nelle loro possibilità, tenuto conto anche che l’Umbria è composta per il 70 per cento da piccoli e piccolissimi Comuni con scarsa manovra di bilancio. Per questo, serve il coinvolgimento di tutti i livelli istituzionali e di risorse straordinarie".

Il presidente Mencaroni ha ricordato la necessità di "alleggerire la pressione fiscale sulle imprese, oggi impossibilitate a far fronte alle scadenze fiscali locali. Importante sfruttare gli attuali limiti concessi dalla normativa per ottenere ogni rateizzazione possibile, ma anche chiedere la possibilità di averne di ulteriori". Altrimenti il rischio concreto è quello di vedere sparire imprese e occupazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento