Economia

Impatto Covid sulle aziende, lo studio della perugina Acacia Group: ecco lo stato di salute del "mercato" in Umbria e in Italia

Ammonta a quasi 340 miliardi di euro la perdita complessiva di fatturato per le aziende italiane nell’arco del 2020

Ammonta a quasi 340 miliardi di euro la perdita complessiva di fatturato per le aziende italiane nell’arco del 2020. Questo il dato emerso dall’analisi di Acacia Group, secondo cui la pandemia Covid e la conseguente interruzione delle attività economiche hanno portato a una notevole contrazione del valore della produzione.  Il calo maggiore si è registrato per alberghi, bar e ristoranti (-42%), mentre è stato del 29% per il settore dell’intrattenimento e dello sport. In controtendenza sia il comparto IT sia quello dell’agricoltura. 

In termini percentuali, a livello territoriale è la Valle d‘Aosta ad aver avuto l’impatto più forte sulla sua economia (61% delle imprese ha perso fatturato), seguita da Friuli-Venezia Giulia (57%); Umbria al 17simo posto con 36 aziende su 100 che hanno perso fatturato. In pole il Molise dove solo una su quattro ha registrato una contrazione significativa. Per il 14% delle imprese italiane invece il dato è rimasto stabile con una oscillazione del dato del +/- 2,5%.

Anche il risultato di esercizio ha registrato performance negative con una perdita media per il 34% delle imprese. Maglia nera per la Sardegna con il 40%, Friuli con il 30% all’altro capo della classifica, e Umbria esattamente in media nazionale. Nota a parte per gli Oneri Finanziari che continuano a far soffrire, rispetto alla soglia del 3% in rapporto al fatturato, per oltre un’azienda su dieci.

"La pandemia nel 2020 ha avuto ripercussioni sui bilanci delle aziende e sui loro profitti  – afferma Francesco Pace, Presidente di Acacia Group - Nella nuova fase che stiamo vivendo, diventa particolarmente interessante rileggere in chiave sistemica gli effetti del COVID-19 sui bilanci 2020 delle imprese industriali italiane, soprattutto in termini di fatturato e redditività, composizione della struttura dei finanziamenti, scelte strategiche e corporate governance, per individuare la strada che ha consentito alle imprese di dare prova di resilienza e di continuità per il loro business. La recessione innescata dall’epidemia di Covid-19 accresce in maniera significativa la quota di società di capitali italiane che nel 2020 hanno registrato un fabbisogno di liquidità e un deficit patrimoniale.  Le principali misure di sostegno varate dal Governo tra marzo e agosto hanno attenuato questi effetti: hanno sostanzialmente annullato il maggior deficit di liquidità ma non risolto la situazione. Il ricorso a nuovi prestiti,anche grazie alle garanzie pubbliche, amplia tuttavia ulteriormente l’indebitamento, in particolare per le aziende più rischiose. L’indebolimento dei bilanci che ne risulta aumenta la probabilità di insolvenza delle imprese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impatto Covid sulle aziende, lo studio della perugina Acacia Group: ecco lo stato di salute del "mercato" in Umbria e in Italia

PerugiaToday è in caricamento