Umbria e turismo, un centro umbro tra i primi 10 a livello nazionale come meta perfetta per il Natale

C'è una città umbra tra le prime 10 del Paese che rientrano di diritto nella speciale classifica di Città del Natale da vivere fino all'Epifania redatta  dall'agenzia di Faenza 'JFC', che da oltre vent'anni svolge attività di consulenza turistica e marketing territoriale.  

Un posto d'onore conquistato da Gubbio confermato dalla comunicazione ufficale del sindaco Filippo Mario Stirati e l'assessore Nello Fiorucci che spiegano:  «Gubbio si è classificata tra le 10 principali destinazioni italiane che hanno fatto del tema della 'luce' legata al Natale un'attrattiva centrale.  Attorno all'elemento primario  dell'ALBERO DI NATALE PIÙ GRANDE DEL MONDO, capace di generare un crescente richiamo di portata internazionale,  è risultata vincente la formula 'Gubbio città del Natale' voluta dall'amministrazione comunale per promuovere e coordinare le varie iniziative pubblico - private, affidando l'organizzazione, tramite  apposita gara, alla  società "Land"  per tutti gli  eventi natalizi".

"Circa la straordinaria affluenza di turisti e visitatori, faremo un resoconto dettagliato nei prossimi giorni a chiusura delle Festività 2018 – 2019,  ma è stato ben visibile a tutti in questo periodo, a parire dal 7 dicembre,  il  fiume pressoché ininterrotto di presenze che  ha invaso letteralmente vie,  piazze,  luoghi pubblici con un tutto esaurito registrato negli alberghi e nelle strutture ricettive in genere"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento