menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi Tagina, il Governo mantiene la promessa: salvata l'azienda con 200 operai

Dopo le forti pressioni su Roma e Regione da parte di azienda e Comune ed operai

E' stata dura, sono stati necessari dei nuovi strumenti e il voto delle due Camere, ma alla fine la Tagina, la più grande fabbrica di ceramica dell'umbria (200 dipendenti) ha ottenuto la cassa integrazione che permetterà ai nuovi investitori di rilanciare, senza ulteriori aggravi economici, il marchio e la nuova produzione. E allo stesso tempo dopo mesi di sofferenza e ristrettezze ridare dignità e potere di spesa agli operai e dipendenti. L'accordo finale è stato siglato questa mattina a Roma presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la sottoscrizione che ha esteso il regime speciale per gli ammortizzatori sociali previstoper le aree di crisi complessa anche all’area oggetto dell’Accordo di Programma Merlono“

“Al fine di dare concretezza al piano di ripresa delle attività produttive predisposto da Saxa Gress – ha spiegato Paparelli - l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, come da sempre rappresentato dal sindacato, dall’azienda e da Regione e Comune, rappresenta in questa prima fase la condizione necessaria per garantire continuità aziendale, rilancio produttivo e garanzie occupazionali connesse ad un importante ed innovativo programma di sviluppo che vede una delle aziende di riferimento del ‘made in Italy’ a livello regionale investire in produzioni sostenibili e vocate alla dimensione internazionale”. Il Ministro Di Maio, già in visita agli operai della Tagina, dunque è stato di parola ed ha accolto il metodo per arrivare legalmente alla cassa integrazione.

La Regione è disposta a mettere due milioni per la formazione formativi del personale, anche alla luce delle nuove competenze "correlate ai processi di innovazione, da attuare in esito alla concessione di Cassa Integrazione Straordinaria, che sulla base delle previsioni del piano del lavoro regionale Umbria Attiva potranno consentire di affiancare in maniera coerente gli investimenti aziendali attraverso la riqualificazione dei dipendenti Tagina”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento