Grancasa, 13 lavoratori in esubero: scongiurati i licenziamenti, scatta la cassa integrazione

Stop ai licenziamenti e via libera alla cassa integrazione straordinaria per crisi per i lavoratori dei negozi Grancasa di Spello e Corciano, dove 13 addetti sono stati dichiarati in esubero dall'azienda

Stop ai licenziamenti e via libera alla cassa integrazione straordinaria per crisi per i lavoratori dei negozi Grancasa di Spello e Corciano, dove 13 addetti sono stati dichiarati in esubero dall'azienda.

L’accordo sul ricorso all’ammortizzatore sociale per una durata di 5 mesi è arrivato al termine del tavolo di confronto tra le parti che si è svolto ieri, 4 giugno, in Regione Umbria e al quale hanno preso parte Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e la Rsa di Grancasa. Nell’accordo è messo nero su bianco anche che l’azienda, al termine del periodo di cassa, potrà procedere ai licenziamenti solo sulla base del criterio di non opposizione.

“È senz’altro un risultato positivo aver scongiurato ad oggi i licenziamenti - commentano Cristina Taborro (Filcams Cgil), Simona Gola (Fisascat Cisl) e Maria Ermelinda Luchetti (Uiltucs Uil) - tuttavia, resta alta la preoccupazione per l’esito della trattativa a livello nazionale che riguarda altri 145 lavoratori e per il futuro stesso di tutto il gruppo”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 18 maggio: nessun nuovo caso, aumentano ancora i guariti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento