rotate-mobile
Economia

L'azienda perugina Gmf paga un mese in più di congedo di maternità alle dipendenti

L'ad Paola: "Premiamo chi ha il coraggio di investire sulla propria famiglia"

"Tante volte abbiamo letto o sentito dai media di donne che non sono state assunte per il timore che potessero avere figli. Noi abbiamo scelto di andare in controtendenza e di premiare invece chi ha il coraggio di investire sulla propria famiglia, perché pensiamo che sia il modo più efficace per costruire un futuro migliore per tutti noi". Giancarlo Paola, Amministratore Delegato di Gmf spa, annuncia che l'azienda perugina e le società del Gruppo Unicomm hanno deciso "di riconoscere un mese in più di congedo di maternità a carico dell’azienda a tutte le collaboratrici che diventeranno madri, a partire dal mese di gennaio 2023".

L'agevolazione introdotta da Gmf, sottolinea la nota, "va ad aggiungersi, naturalmente, ai 5 mesi di maternità cosiddetta “obbligatoria” a carico dell’Inps".

“Riconoscere il mese in più di congedo di maternità è una misura che abbiamo fortemente voluto come azienda - spiegano Marcello e Mario Cestaro, titolari del Gruppo Unicomm - perché non ha solo un valore materiale e di sostegno a chi sceglie con coraggio di investire sul futuro della propria famiglia e della nostra comunità, ma vuole anche avere un significato simbolico in un Paese che troppe volte scarica sulle donne il peso della gestione familiare e della crescita dei figli. Siamo fortemente convinti che tra gli obiettivi di un’azienda ci debbano essere attività di responsabilità sociale come questa: le imprese sono parte della società e come tali devono contribuire alla crescita e al benessere del territorio".

Nel Gruppo Unicomm, associato alla Selex (seconda realtà della distribuzione italiana), prosegue la nota, "oggi su oltre 7500 collaboratori, più di 5000 sono donne, per cui questa misura potenzialmente si rivolge ad oltre il 65% dei collaboratori aziendali. Non solo, all’interno di Unicomm oltre il 60% delle donne utilizzano forme di lavoro part-time per la conciliazione vita-lavoro. Dati che sono in controtendenza rispetto alla situazione del Paese, visto che secondo i dati del CENSIS in Italia le donne che lavorano sono 9 milioni e 768.000 e rappresentano solo il 42,1% del totale degli occupati, sebbene siano il 51,3% della popolazione. Nel 2018, con un tasso di attività femminile al 56,2% siamo all’ultimo posto nel ranking dei paesi comunitari condotto dalla Svezia, ove il tasso di attività femminile è pari all’81,2%, e lontanissimi dall’obiettivo del 75,0% che si è dato l’Unione Europea per il 2020".

L'azienda

GMF Spa (storica azienda perugina), è una realtà consolidata con più di 100 punti vendita nel centro Italia. L’azienda è parte del Gruppo Unicomm di Vicenza che è una realtà del mondo della grande distribuzione italiana ed è associato al Gruppo Commerciale Selex. L’azienda è di proprietà della famiglia Cestaro e conta una storia di quasi 70 anni durante i quali è cresciuta fino a raggiungere, ad oggi, gli oltre 7.500 dipendenti  e  ad  essere  presente  in  7  regioni  e  32  province  italiane con più di 250 punti vendita diretti. Le 7 insegne attraverso cui opera sul territorio nazionale sono Emisfero per gli ipermercati, Famila, Mega ed Emi per le medie superfici, A&O per i negozi di prossimità, C+C e Cash&Carry per l’ingrosso, Hurrà per i discount. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'azienda perugina Gmf paga un mese in più di congedo di maternità alle dipendenti

PerugiaToday è in caricamento