menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nomine & Poltrone - Gepafin approva il bilancio, ecco il nuovo consiglio d'amministrazione

Relativamente a ciò, proprio a febbraio, Gepafin ha ottenuto da parte di Banca d’Italia l’autorizzazione all’iscrizione all’Albo 106 del Testo Unico Bancario degli Intermediari Finanziari Vigilati che consente alla società umbra di svolgere attività di concessione di finanziamenti e di rilasciare garanzie per rischio di insolvenza a valere sul proprio patrimonio. “È necessario – ha quindi sottolineato Santucci – che il socio pubblico continui nell’opzione di partecipazione in un operatore di mercato, quale sarà Gepafin 106, specializzato e indipendente nelle scelte d’investimento. D’altronde, anche i soci privati non possono che apprezzare ancor di più l’azione di un operatore che si propone di mettere a disposizione una presenza nel territorio e del territorio e risorse pubbliche della programmazione in sinergia con altri strumenti nazionali e comunitari”.

Il bilancio approvato dall’assemblea dei soci, il primo dopo l’iscrizione all’Albo 106, evidenzia la rilevanza per il territorio del progetto: al 31 dicembre 2016 lo stock delle garanzie ammontava a 161,35 milioni di euro e lo stock di investimenti capitale di rischio e prestiti a 38,89 milioni di euro. Gepafin ha fondi a gestione attiva per 84,73 milioni di euro, fondi per interventi a gestione passiva per 78,38 milioni di euro e garanzie e impegni per 161,53 milioni di euro.

Lo stesso assessore Bartolini ha espresso la condivisione della Giunta regionale al programma predisposto dalla società, in linea con gli obiettivi di mandato scorso, oltre che fiducia in un Consiglio di amministrazione di elevato livello professionale e manageriale. Obiettivi a lungo termine di Gepafin restano ancora quelli di favorire l’accesso al credito, il consolidamento finanziario e la patrimonializzazione delle Pmi regionali e di partecipare, sia con attività di advisoring che con l’attivazione di risorse proprie e di terzi, a iniziative infrastrutturali di interesse regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento