Gasdotto, la Snam conferma: 124 km sul territorio dell'Umbria

La Snam conferma il percorso umbro del gasdotto Brindisi-Minerbio. Dopo gli atti e ricorsi della Provincia, ora tocca alla Regione Umbria esprimersi sulla mozione di Goracci

Se la Provincia di Perugia si è già espressa con atti e ricorsi, in linea con la Provincia de L’Aquila, ora tocca alla Regione Umbria decidere sulla mozione del capogruppo Orfeo Goracci il prossimo 11 dicembre sul passaggio sui nostri territori del gasdotto Brindisi-Minerbio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dove passerà il metanodotto? Goracci, insieme al Presidente di Commissione provinciale di Perugia, Luca Baldelli hanno motivato in conferenza stampa - tenuta nella giornata odierna nella Sala Piediluco del Palazzo Cesaroni – le ragioni del loro “No” all’attuale precorso del gasdotto SNAM che taglierà l’Umbria per 124 km proprio lungo la zona di pregio e altamente sismica dell’appennino centrale di casa nostra (Valnerina, montagna folignate, eugubino - gualdese, altotevere per poi direzionarsi nelle Marche).

“Il gasdotto oltre ad essere uno scempio ambientale è fortemente inutile – afferma Goracci – poiché ai territori non deriva alcun tipo di beneficio, ma in realtà serve solamente a trasportatore il gas dalla Puglia all’Europa e si potrebbe fare in altra maniera”. Il bilancio energetico è già saturo e non occorre ulteriore produzione in tal senso, ha affermato Baldelli che ha fatto parlare le cifre.

Consumo di gas in Italia- “Nel 2011 il consumo di gas in Italia – continua - è stato di 75 miliardi di metri cubi. L’attuale rete di gasdotti che già attraversa il nostro paese ha una portata di 107 miliardi di metri cubi. Nel 2012 il fabbisogno stimato di gas sembra essere in notevole diminuzione, allora ditemi che bisogno c’è di realizzare un altro gasdotto? L’ambiente, il paesaggio e la natura sono le risorse più importanti della nostra bella Umbria. La Regione da diversi mesi dice di puntare sulla filiera TAC (Turismo ambiente e cultura) ma ancora non ha preso una posizione precisa sulla questione del metanodotto “Rete Adriatica”, mi sembra una vera eresia. La denominazione rete adriatica, era sta scelta perché doveva passare lungo la costa adriatica ma improvvisamente la SNAM ha cambiato idea portando il percorso lungo l’Appennino Centrale zona storicamente interessata da un notevole tasso di sismicità. Una vera follia”.

Gasdotto deturpa il paesaggio- “Il gasdotto Brindisi – Minerbio va bloccato, però, non solo perché deturperebbe il paesaggio appenninico, ma anche perchè distruggerebbe, se realizzato, l’economia di intere zone, piene di gente che ha investito in attività ricettive ed agricole, svolgendo anche una preziosa opera di presidio del territorio e di sua protezione dai tristi fenomeni del dissesto idrogeologico, ben noti in Italia. Ancora, il metanodotto va bloccato perché passa in zone franose, censite e non censite, con tutti i pericoli del caso; perché distrugge tartufaie e piantagioni ad alta valenza economica, oltre che ambientale; perché costituisce, con la servitù di passaggio stessa, un esproprio forzoso di territorio, impendendo la normale conduzione di attività agricole. Gli umbri, i marchigiani e gli abruzzesi non sarebbero più padroni a casa loro, qualora quest’opera venisse realizzata”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

Torna su
PerugiaToday è in caricamento