Frecciarossa Perugia-Milano, cambiano gli orari: beffa sulle fermate, non si arriva più a Milano Centrale

Con l'arrivo dell'inverno cambiano l'orario di partenza e arrivo. E anche le fermate

Cambiano gli orari del Frecciarossa Perugia-Milano. E anche le fermate. Con l'introduzione dell'orario invernale arriverà la beffa: niente più Milano Centrale. Basta andare sul sito di Trenitalia: il treno partirà alle 5.30 (invece che alle 5.17) da Fontivegge, per arrivare alle 8.55 a Milano Rogoredo o alle 9.12 a Milano Porta Garibaldi. Per arrivare la stazione di Milano Centrale si dovrà pagare a parte il trasporto. Scrive Trenitalia sul sito: "Comprende la tratta urbana Milano Porta Garibaldi - Milano Centrale non inclusa nel prezzo". 

E aumentano anche i tempi di percorrenza. Tra le 3 ore e 50 minuti e le quattro ore e venti minuti.

Esempio di prenotazione per il primo gennaio 2020: partenza da Perugia alle 5.30, arrivo a Milano Rogoredo alle 08:55. Da Rogoredo a Milano Centrale altri 20 minuti, con "Percorso con mezzi urbani non incluso nel prezzo", si legge. 
Oppure: partenza da Perugia alle 5.30, arrivo a Milano Porta Garibaldi alle 09:12. Da Milano Porta Garibaldi a Milano Centrale altri 20 minuti, trasporto non compreso nel prezzo del Frecciarossa. 
Per arrivare a Milano Centrale direttamente l'unica soluzione è quella con due Frecciarossa. Partenza da Perugia alle 5.30 e arrivo a Firenze Santa Maria Novella alle 7.01. Ripartenza da Firenze alle 7.55 e arrivo a Milano Centrale alle 9.50. Il prezzo raddoppia. 

Immediata la reazione: "Attenzione a fare del facile allarmismo, abbiamo tutti gli strumenti per intervenire", scrive il candidato del Pd alle elezioni regionali Giacomo Leonelli su Facebook: "L'annunciato cambio di orario del Frecciarossa Perugia-Milano, che dovrebbe entrare in vigore con il nuovo orario a dicembre, va discusso con Trenitalia già dal giorno dopo delle elezioni regionali".

E ancora: "Sulla vicenda vi faccio presenti alcune cose - scrive ancora Leonelli - : il collegamento dalla sua attivazione ha fatto registrare 3 volte i passeggeri previsti, bisogna capire quali siano i reali vantaggi e svantaggi di questa ipotetica rimodulazione, Trenitalia ha tutto l'interesse ha far crescere il servizio e non impoverirlo perché è un servizio a bigliettazione: più passeggeri ci sono e più si incassa, quindi perché Trenitalia dovrebbe peggiorare il servizio? Quindi, ribadisco, prima di gridare allo scandalo, andiamo al tavolo con Trenitalia, capiamo le reali modifiche e le conseguenze di queste. Poi decideremo cosa fare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cattura-72-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento