Fase 2, "taglio gratis" per operatori sanitari e forze dell'ordine: la solidarietà di barbieri e parrucchiere di Cna

Si chiama “Hair For Emergency” il progetto che coinvolge gli acconciatori della regione nato dalla collaborazione di Cna Umbria e Art Inside

Si chiama “Hair For Emergency” il progetto che coinvolge gli acconciatori della regione nato dalla collaborazione di Cna Umbria e Art Inside. L’iniziativa vuole essere un omaggio agli operatori sanitari coinvolti nell’assistenza ai malati di Coronavirus e alle forze dell’ordine che hanno garantito il rispetto delle regole in questa fase di emergenza sanitaria.

“Apprezziamo molto i parrucchieri umbri – ha affermato  Marina Gasparri, responsabile regionale di Cna Benessere, l’unione che raggruppa le imprese del settore - che, pur trovandosi in una situazione di fortissimo disagio avendo dovuto chiudere del tutto le proprie attività per contrastare la diffusione del coronavirus, subendo una perdita economica rilevante, hanno deciso di far coincidere la riapertura dei saloni il 18 maggio, con l’offerta di un voucher di 100 euro a tutti gli operatori sanitari coinvolti nel contrasto al Covid-19 e ai rappresentanti delle forze dell’ordine.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il voucher va ritirato entro un mese dalla riapertura nei saloni che aderiscono all’iniziativa e sarà spendibile in quattro volte (ognuna per un massimo di 25 euro). “Si tratta del nostro ringraziamento a queste categorie di lavoratori anche se per noi rappresenta uno sforzo economico consistente – spiega Gianni Marcantonini di Art Inside – In Umbria siamo oltre 1.700 parrucchieri e diamo lavoro a una media di 2,5 persone ciascuno, per un totale di addetti che si aggira intorno alle quattromila unità. Lo stop forzato ha procurato a tutti noi un danno economico ingente, per questo abbiamo urgente bisogno di riprendere l’attività. In Umbria fortunatamente abbiamo avuto pochi contagi, anche perché siamo stati tutti bravi a rispettare le regole del lockdown."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento