menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Merloni, i dipendenti di nuovo in marcia: "Le banche non ci ruberanno il lavoro"

Gli istituti di credito creditori non vogliono la vendita dell'ex Antonio Merloni alla J.P. Industries che ha invece iniziato la produzione e firmato nuovi contratti. Torna l'incubo mobilità per molte famiglie umbre. Sit-in di protesta sotto il Tribunale di Ancona

L'8 gennaio è prevista la prima udienza al Tribunale di Ancona sul ricorso presentato dai commissari straordinari della ex Antonio Merloni contro la sentenza del Tribunale di Ancona che ha annullato la vendita dell'azienda alla J.P. Industries accogliendo il ricorso di un pool di banche creditrici. Il blocco della vendita ha fatto rimpiombare nell'incubo mobilità e poi licenziamento oltre 300 lavoratori umbri che avevano ritrovato un contratto dopo il fallimento della Merloni che ha lasciato a casa altre 700 persone solo in Umbria. 

In occasione della prima udienza la Fim, Fiom e Uilm di Marche e Umbria hanno promosso una manifestazione con presidio davanti al Tribunale di Ancona: I dipendenti degli stabilimenti di Fabriano e Colle di Nocera (Perugia) si ritroveranno alle 8 nel parcheggio dello stabilimento di Santa Maria di Fabriano per poi raggiungere Ancona con un serpentone di auto a velocità ridotta. 

Per i sindacati l'atteggiamento delle banche "è a dir poco vergognoso e senza principi di responsabilità sociale che dovrebbero avere gli istituti bancari. La sentenza del Tribunale di Ancona mette in serio pericolo l'attività industriale della J.P. Industries e il suo progetto di sviluppo e di conseguenza cancellerebbe oltre 700 posti di lavoro; i commissari straordinari Antonio Merloni e la J.P. Industries hanno fatto ricorso in appello e i lavoratori insieme a Fim, Fiom e Uilm di Marche e Umbria difenderanno con forza e determinazione il diritto al lavoro". 

LA SENTENZA - Il Tribunale di Ancona, a distanza di molti mesi e dopo i contratti firmati, ha deciso di invalidare la vendita alla Jp di Giovanni Porcarelli che aveva salvato un ramo aziendale dopo anni di cassa-integrazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento