Ex Fcu, la gestione della ferrovia umbra passa a Rfi: "Siamo i primi in Italia a fare questo passo"

La Regione esulta. Il Consiglio di Amministrazione di Rete Ferroviaria Italiana ha approvato l’operazione che porterà al trasferimento della gestione della rete ferroviaria regionale umbra 

Il Consiglio di Amministrazione di Rete Ferroviaria Italiana, nella seduta di martedì scorso 5 marzo, ha approvato l’operazione che porterà al trasferimento della gestione della rete ferroviaria regionale umbra di proprietà della Regione Umbria e gestita da Umbria Tpl e Mobilità a Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell’infrastruttura nazionale.

 La notizia è stata accolta con soddisfazione dall’assessore regionale ai trasporti, Giuseppe Chianella, che parla di “risultato importante nel grande processo di riforma del trasporto pubblico dell’Umbria che la Regione sta portando avanti da alcuni anni. Abbiamo voluto fare scelte strategiche molto incisive ed innovative – ha sottolineato l’assessore – per compiere il salto di qualità necessario per il futuro dei trasporti inUmbria. Si sta realizzando una parte importante di quello che sembrava un sogno lontano e cioè la realizzazione di un sistema integrato e interconnesso con la rete ferroviaria nazionale che ci consentirà di potenziare i servizi, a vantaggio dei pendolari e degli utenti umbri ed anche in funzione dell’incremento del turismo. Tutto il sistema di trasporti su ferro e gomma in Umbria sarà infatti gestito da società del Gruppo Ferrovie dello Stato, il più qualificato in Italia del settore. L’Umbria è la prima regione in Italia a fare questo passo, in virtù dell’accordo che consente di trasferire a Rfi la gestione della rete ferroviaria regionale affidando così a un unico soggetto tutto il sistema della ex Ferrovia centrale umbra, che poi subentrerà anche nella proprietà dell’infrastruttura, garantendo gli investimenti necessari per la manutenzione e per altri interventi strategici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “Ora – ha proseguito Chianella -, in seguito alla decisione del Consiglio di Amministrazione di Rete Ferroviaria Italiana, si potrà dare attuazione a tutti i passaggi previsti dalla Legge. Rfi proseguirà le interlocuzioni con l’Autorità Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria per l’aggiornamento della propria Autorizzazione di Sicurezza finalizzate a garantire l’operazione di subentro e provvederà all’acquisto di una NewCo di imminente creazione, cui sarà conferito il ramo infrastruttura di Umbria TPL Mobilità e che sarà poi fusa per incorporazione in RFI. Tutti questi passaggi dovrebbero concludersi entro il prossimo mese di maggio, visto che l’assemblea dei soci di Rete Ferroviaria, che concluderà le operazioni, è già stata fissata per il 5 aprile e diventerà pienamente efficace dopo i trenta giorni previsti dalla legge”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

Torna su
PerugiaToday è in caricamento