menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sentenza umbra. Contribuente batte Equitalia: pagherà solo 2mila euro contro 81mila richiesti

La decisione del Tribunale di Spoleto apre nuove scenari a riguardo delle super-cartelle di Equitalia con forti maggiorazioni e more rispetto al debito reale. Ecco come l'avvocato di Federcontribuenti ha vinto la sua battaglia

Una sentenza umbra potrebbe aprire nuovi scenari a riguardo delle super-cartelle esattoriali emesse da Equitalia. E' la dimostrazione che prima di pagare, certi debiti, bisogna consultare degli avvocati esperti o le associazioni di categoria come Federcontribuenti. Perchè spesso si pagano anche per debiti decaduti o prescritti o non notificati e puntualmente. Non sempre infatti nel conto di Equitalia si fa pulizia di quelli ormai non pià dovuti. La sentenza che può ridare fiato e futuro ad aziende e contribienti arriva dal Tribunale di Spoleto. 

Equitalia aveva inviato una intimazione di pagamento pari a euro 81.119,90 ma il giudice ha accolto il ricorso e dichiarato nulli i debiti per 78.685,28 euro per i vizi di forma della notifica e anche perchè molte cartelle erano ormai decadute.  A fronte di una intimazione di pagamento pari a euro 81.119,90 il contribuente dovrà pagarne soli 2,434,62. La sentenza è dello scorso aprile 2017 ( n. 70/2017 RG n. 707/2015 ). ed è del Tribunale di Spoleto Sezione Lavoro. Un caso complesso perchè si è ricorsi contro una Intimazione di Pagamento emessa sul calcolo di più cartelle per debiti verso diversi Enti; è stato bravo il contribuente che ha deciso di non soccombere e l’avvocato della Federcontribuenti, Fortunato Forcellino ormai un guru nella tutela dei contribuenti da Equitalia.

LA STORIA - Il sig. O. G. - queste sono le iniziali - ha ricevuto a mezzo pec la notifica di una intimazione di pagamento in data 19.10.2015 rivoltosi all’avv. Forcellino sono emersi elementi per presentare ricorso: ”per prima cosa ho richiesto un contraddittorio con le amministrazioni interessate - ha spiegato il legale - considerata l’illegittimità della intimazione di pagamento riferita ad una pluralità di cartelle esattoriali ed un avviso di addebito afferenti pretese contributive eterogenee”.

Più in particolare l’illegittimità dell’intimazione di pagamento nasce ”dalla inesistenza o nullità della notifica non essendo state rispettate le procedure di notifica a mezzo PEC. Oltre a sottolineare come fosse decorso il termine quinquennale di prescrizione e, per l’altro, che in alcuni casi i crediti contributivi sarebbero prescritti anche ove si ritenesse applicabile il termine decennale di prescrizione”.

Un’altra questione che l’avvocato Forcellino ha sottolineato riguarda la contestazione sulla ” fondatezza della somma anche in relazione alla omessa spiegazione del calcolo degli interessi di mora, rilevando che la – cripticità del conteggio – incide sulla motivazione delle cartelle di pagamento, da ritenersi pertanto nulle per difetto di motivazione”. Il giudice ha accolto il ricorso accogliendo le contestazioni 

Conclusioni - Federcontribuenti: ”Molti contribuenti si sono rivolti e si rivolgono a commercialisti o centri Caf per vedersi risolvere il problema con le cartelle esattoriali, ma – è bene ricordare – che entrambe le figure possono aiutare il contribuente nella richiesta di una rateizzazione, non di certo potranno vedersi tutelare e rappresentare legalmente, venendo così condannate al pagamento anche di debiti che in realtà sarebbero ormai illegittimi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento