E45, il viadotto Puleto chiuso ai camion scatena la rabbia dei sindacati: "Aziende umbre dimenticate"

Cgil, Cisl e Uil in presidio: “Paese che crolla, ma non c’è un’idea di prevenzione"

Le conseguenze della chiusura del viadotto Puleto della E45 ai camion pesano anche sulle aziende umbre. I sindacati scendono sul sentiero di guerra e scatta il presidio al confine tra Umbria e Toscana: "Questo è un paese che frana, crolla, si allaga, ma non ha un’idea di prevenzione. Lo dimostra il fatto che un viadotto di poche centinaia di metri diventa pericoloso e questo determina il blocco di un’arteria strategica per l'Italia. Perché è chiaro che la chiusura della E45 non è un problema solo per i territori direttamente coinvolti, ma è un grande problema per l'intero paese”. Con queste parole Vincenzo Colla, vicesegretario generale della Cgil nazionale, ha chiuso il sit-in di Cgil, Cisl e Uil delle province di Perugia, Arezzo e Cesena, allo svincolo di Sansepolcro (Arezzo) della E45, la superstrada che collega Orte a Ravenna, attraversando Lazio, Umbria, Toscana ed Emilia Romagna, e che dallo scorso gennaio è stata prima completamente chiusa all’altezza del viadotto Puleto, per ragioni di sicurezza, e poi solo parzialmente riaperta (il passaggio resta interdetto a camion e autobus). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come spiega la nota dei sindacati, dal presidio di Cgil, Cisl e Uil, "al quale hanno partecipato anche numerosi lavoratori delle aziende dei territori coinvolti, fortemente preoccupati per le conseguenze che la chiusura dell’arteria sta avendo sulla produzione e quindi sul lavoro", è partito un nuovo appello al governo: “La politica nazionale sembra essersi dimenticata di questa arteria così importante e dei nostri territori, dove insistono tante aziende, anche piccole, nelle quali i lavoratori non hanno tutele e rischiano di pagare sulla propria pelle questa situazione - hanno sottolineato i sindacati - Quindi, si faccia subito tutto il necessario per rimettere in piena sicurezza il viadotto e ripristinare pienamente la E45 e al tempo stesso si avvii una politica di investimenti pubblici nelle manutenzioni e nella prevenzione, perché è di questo che il paese ha bisogno se vuole invertire il declino che è in atto”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento