rotate-mobile
Economia

Crisi energetica, l'allarme Cgia di Mestre sull'Umbria: ecco quanti andranno in difficoltà, l'identikit delle famiglie

In molti dovranno rinunciare a lavastoviglie e diminuire le lavatrici settimanali

Vulnerabilità media alta in Umbria con un gruppo di cittadini, tra i 53mila e i 91mila, a rischio pagamento delle bollette in maniera regolare a partire da ottobre prossimo. Sia gas che luce il grande spauracchio. La stima porta la firma dell'autorevole Cgia di Mestre 
che ha effettuato uno studio sulle potenziali nuove povertà da caro bollette. Questo popolo umbro a rischio per pagare regolarmente dovranno tagliare addirittura, in maniera pesante, il fondo per la coalizione, pranzo e cena. Previsto anche uno stop a degli elettrodomestici ad elevato consumo energia: lavastoviglie, lavatrice, asciugatrice, aspirapolvere, microonde e forno elettrico.

L’identikit delle famiglie “energeticamente vulnerabili” delineato dalla Cgia presenta le seguenti caratteristiche: un elevato numero di componenti residenza in alloggi in cattivo stato di conservazione capofamiglia giovane, spesso inoccupato e/o immigrato. Nei guai anche i tanti pensionati (con assegno tra i 500-700 euro) che rischiano dei distacchi, almeno del gas. Insomma la situazione rischia di essere drammatica. Invece che un autunno caldo è previsto un autunno freddo e con i piatti mezzi vuoti da lavare rigorosamente a mano. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi energetica, l'allarme Cgia di Mestre sull'Umbria: ecco quanti andranno in difficoltà, l'identikit delle famiglie

PerugiaToday è in caricamento