menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il 10 ottobre arriva la "giuria": ci giochiamo la Capitale Europea 2019

Presentato il dossier conclusivo: “Seeding change” il nuovo slogan. Riformulato anche il concept. Bracalente: ”Progetto e programma fortemente competitivi”. Scarica e commenta il progetto per conquistare l'Europea

Un progetto molto rafforzato, con una dimensione europea più sviluppata, il concept riformulato e un nuovo slogan. Così il progetto finale di Perugia 2019 è stato presentato alla stampa martedì 9 settembre nella sede della fondazione Perugiassisi 2019.

I contenuti del secondo dossier, quello conclusivo che, come indicato dalla commissione, doveva essere incentrato sul programma culturale e sugli eventi previsti per il 2019, sono stati illustrati dal presidente di Perugiassisi 2019 Bruno Bracalente, insieme al direttore artistico Arnaldo Colasanti, al sindaco di Perugia Andrea Romizi e di Assisi Claudio Ricci e l'assessore regionale alla cultura Fabrizio Bracco. Con questo progetto, depositato al Mibact venerdì 5 settembre, composto da 115 pagine, tradotte anche in inglese, "Perugia con i luoghi di Francesco d'Assisi e dell'Umbria", si è candidata ufficialmente al titolo di Capitale

Europea della Cultura. "Un programma competitivo e un progetto di candidatura solido e affidabile" ha affermato Bracalente, che si è inoltre detto convinto di un forte miglioramento rispetto al primo lavoro consegnato esattamente un anno fa e con cui la città aveva superato la pre selezione insieme a Cagliari, Lecce, Matera, Ravenna e Siena.

Il progetto in sintesi: “I semi del cambiamento”

Per il progetto conclusivo (on line già dalla mattinata sul sito www.perugia2019.eu), che riguarda il programma culturale e gli eventi, è stato creato un nuovo slogan, "Seeding Change", seminare il cambiamento. Lo slogan esprime il concept del progetto, riformulato rispetto al primo dossier – “Fabbricare luoghi”, che resta comunque un obiettivo di più lungo termine - e che si poggia su parole chiave che fanno parte del campo semantico della terra. “Uno slogan proattivo – come si legge nel documento - che connota chiaramente un processo. Si tratta da un lato di un gesto chiaro, deciso, abituale, ma anche antico e dall’altro di un gesto profondo che ha a che fare con l’etimo di cultura come ‘coltivazione del pensiero’. E così, come per seminare bisogna conoscere il territorio, i suoi ritmi, le sue caratteristiche, la stessa attenzione occorre per progettare una città”.

Rispetto alla versione relativa alla fase di preselezione, questo bid book definitivo di Perugia 2019 presenta cambiamenti molto rilevanti. In particolare la parte che riguarda la dimensione europea, che nella prima versione del bid book non era ancora pienamente espressa, si è molto arricchita sia per quanto riguarda i temi della candidatura sviluppati nel programma culturale, sia con riferimento al coinvolgimento di artisti e organizzazioni culturali internazionali. Il programma culturale, che nella prima versione era solo abbozzato, è stato pienamente sviluppato e strutturato in nuclei tematici principali e un programma parallelo relativo alle scuole, e la sua direzione si è avvalsa anche del contributo di una reteselezionata di giovani “antenne europee”.

Un notevole approfondimento ha riguardato anche la dimensione città-cittadini e gli aspetti relativi ai target specifici. Con questo progetto si "vuole intervenire sulle fratture della città e sul suo patrimonio storico innestandovi nuovi modelli di sviluppo in cui Perugia2019 si pone come ‘seminatore’ di cambiamento, non bonificando i problemi ma ripartendo da questi, ripartendo "dalle piante ammalate" innestandole con quelle nuove, nate da semi nuovi, disseminati nel territorio”.

Un impegno particolare è stato volto ad assicurare il sostegno, anche economico, al progetto, che per quanto “sobrio” nei suoi costi operativi e infrastrutturali, e comunque oneroso. In questo senso il presidente Bracalente ha ricordato la decisione della Regione Umbria, in accordo con il Comune di Perugia, di inserire nella programmazione europea 2014-2020 i progetti di Perugia 2019 e il sostegno manifestato con formali lettere di intenti delle sei Università e istituzioni di alta formazione, della Camera di Commercio di Perugia, delle sei Fondazioni Cassa di Risparmio dell’Umbria, di dodici associazioni imprenditoriali di tutti i settori produttivi.

GLI INTERVENTI

Parole di fiducia anche dal sindaco Andrea Romizi che ha ribadito il convinto supporto da parte del Comune. "Il mio approccio a questo progetto oggi è più forte per il ruolo che rivesto. Abbiamo le carte in regola per vincere soprattutto perché finalmente la comunità si è rimessa in discussione e fa squadra. Bracalente è riuscito a farmi innamorare del progetto, facciamo l'ultimo pezzo di strada con l'auspicio che sia solo l'inizio”.

“Abbiamo messo nero su bianco ciò che potremmo realmente e comunque fare, ciò che saremo in grado di realizzare” ha affermato il sindaco di Assisi Claudio Ricci. “Abbiamo messo ciò che realmente saremo in grado di realizzare. Il cantiere è già aperto: durante la visita ispettiva dovremo dimostrare questo”.

L'assessore regionale alla cultura Fabrizio Bracco ha portato i saluti dalla presidente Catiuscia Marini, vicina al progetto fin dall'inizio dell'esperienza. "Abbiamo immediatamente colto i portanza e sostenuto da subito con coinvolgimento convinto. Abbiamo aderito perchè abbiamo visto in questa occasione una grandissima opportunità di porre al centro l'idea di una completa rivisitazione dei nostri modelli di sviluppo. La linea tracciata nel dossier sono gli interventi che avverranno. Abbiamo buone chance, tanti semi che possono essere piantati in questo territorio. Idea unità regionale che ruota intono al progetto, con un ruolo futuro nazionale e europeo”.

"Abbiamo fatto e stiamo facendo di tutto per essere pienamente competitivi e giocarci il titolo - ha detto il presidente della Fondazione Bruno Bracalente. I punti di forza sono molti, dalla qualità progettuale e culturale al sostegno convinto di tutto il mondo istituzionale e della società civile. Compresa la scelta di un budget sobrio, convinti che si possa fare molto anche senza impiegare grandissime risorse, evitando i grandi eventi eclatanti e puntando su quelli più sperimentali e innovativi che vedono protagonisti i giovani e l’associazionismo culturale. La Fondazione è un altro punto di forza, in quanto si è dimostrata un potente strumento".

Sull'aspetto del coinvolgimento dei cittadini si è soffermato Colasanti. “La partecipazione - ha detto - è anche consapevolezza del territorio. Con questo progetto che si poggia su parole chiave come ‘semina’ e ‘territorio’ vogliamo rendere Perugia, città spaventata, nuovamente una semina. Fiduciosi nella vittoria vogliamo restituire al territorio una consapevolezza di se'”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento