Economia

I Distretti del Cibo umbri prendono forma: fissati dalla giunta regionale i criteri per il riconoscimento

L'assessore all'agricoltura Morroni: "Così la Regione ha uno strumento in più per valorizzare le produzioni di qualità e favorire lo sviluppo rurale"

I DIstretti del Cibo prendono forma. La giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Politiche agricole Roberto Morroni, ha approvato la delibera con cui vengono definiti le modalità e i criteri per il loro riconoscimento.

   “Secondo la road map e gli indirizzi condivisi con le organizzazioni agricole, con questo atto – spiega l’assessore – abbiamo segnato concretamente l’avvio di un percorso importante per il sistema delle nostre imprese agricole e agroalimentari, che potranno avvalersi anche di finanziamenti nazionali specifici. Il riconoscimento – rileva - permette alla Regione di dotarsi di un ulteriore strumento per promuovere lo sviluppo rurale e la valorizzazione delle produzioni di qualità, favorendo l’integrazione di filiera, oltre a garantire la sicurezza alimentare e a salvaguardare il territorio e il paesaggio rurale”.

Nelle disposizioni attuative, in base alla normativa nazionale, sono definiti Distretti del Cibo i distretti rurali, i distretti agroalimentari di qualità, i sistemi produttivi caratterizzati da una elevata concentrazione di imprese agricole e agroalimentari, i biodistretti e i distretti biologici. Vengono indicati ambito operativo, soggetti proponenti e partner (che comprendono reti di impresa costituite, enti locali, enti di ricerca e Università, Gruppi di azione locali, enti e associazioni pubbliche e private), condizioni e requisiti, modalità di presentazione delle domande.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Distretti del Cibo umbri prendono forma: fissati dalla giunta regionale i criteri per il riconoscimento

PerugiaToday è in caricamento