menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, boom di visite di tedeschi e cinesi in Umbria: le mete sono Spoleto e Alto Tevere

Dati sul turismo: calano di poco le presenze e gli arrivi dei turisti italiani. Aumentano quelle stranieri: in particolari tedeschi e cinesi. Alto Tevere e Spoleto le mete più apprezzate

Un po' meno di turisti italiani (causa crisi), ma più stranieri con maggiore disponibilità economica. Il 2012 del turismo umbro tutto sommato ha retto (i numeri sono ancora bassini per il potenziale umbro) anche se gli arrivi sono calati dell'1,1 per cento e le presenze del 2,7 per cento. Ribassi rispetto al 2011. Ma al di là dei noiosi numeri, quello che emerge è che lentamente l'Umbria è sempre più conosciuta e gradita agli stranieri con un più 6 per cento di arrivi. Ma gli stranieri preferiscono gli agriturismi e sono orientati verso l'Alto Tevere (odor di Toscana) e la bella Spoleto (odor di Roma).  

PAESI - I flussi provenienti dall’Olanda (+ 2,28 negli arrivi e +9,40% nelle presenze), dalla Germania (+5,80% e +4,70%), dal Belgio (+8,58% e +11,37%), dalla Cina (+17,20% e +19,24%), dai paesi scandinavi, dall’India e dalla Turchia. Stabili i flussi da Francia, Regno Unito e Stati Uniti. Per quanto riguarda i singoli settori, le strutture alberghiere hanno fatto registrare il 68 per cento di arrivi rispetto al totale ed il 51 per cento di presenze. 

STRUTTURE RICETTIVE -  Nel 2012, nelle strutture alberghiere, si è registrata una flessione di presenze ed arrivi sia per quanto riguarda gli italiani (- 3,21 arrivi, -6,24 presenze) che gli stranieri (-2,73 negli arrivi, -2,54 nelle presenze) per un totale negativo del 3,08 per cento negli arrivi e del 5,16 per cento nelle presenze. E’ andata meglio invece nelle strutture extralberghiere che hanno migliorato sia negli arrivi (+2,04) degli italiani (ma con un calo nelle presenze del 4,05 per cento), sia negli arrivi (+ 6 per cento) e nelle presenze (+5,50) degli stranieri. In totale dunque nelle strutture extralberghiere si è registrato un aumento del 3,15 per cento degli arrivi ed un calo lievissimo dello 0,18 nelle presenze. Il tutto a fronte di un aumento dei posti letto, rispetto al 2011, nell’extralberghiero (più 3,51) ed un calo invece negli alberghi dello 0,8 per cento.

TERRITORI E TURISMO - Per quanto riguarda i territori,la performance migliore è del territorio dell’Altavalle del Tevere, che cresce sia negli arrivi (+5,40) che nelle presenze(+9,63). Seguono Spoleto con il 4,21 in più negli arrivi ed il 3,20 nelle presenze ed Orvieto(+0,95 arrivi e +1.68 presenze). Malino dunque Perugia che è sotto la media. Mentre tiene Assisi. 

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento