Economia

Vedute panoramiche realizzate con il drone e tour virtuali: ecco 'Umbriabox'

Presentato l'innovativo progetto di fruizione museale realizzato con il contributo della Regione e promosso dai 12 comuni che aderiscono alla rete 'Terre e Musei dell'Umbria'

Un nuovo modo di scoprire l'Umbria, attraverso video e fotografie a trecentosessanta gradi in altissima risoluzione, visite virtuali e contenuti didattici messi a disposizione da alcuni dei più significativi musei della regione, per poterla magari poi venire a visitarla di persona. Tutto questo sarà possibile con  'Umbriabox',  innovativo progetto di fruizione museale realizzato con il contributo della Regione Umbria e promosso dai comuni che aderiscono alla rete 'Terre e Musei dell'Umbria' che comprende le città di Amelia, Bettona, Bevagna, Cannara, Cascia, Deruta, Marsciano, Montefalco e Umbertide, e dai comuni di Trevi, Montone e Spello.

La società cooperativa Sistema Museo ne ha curato la progettazione, il coordinamento, la realizzazione e la comunicazione. Vedute panoramiche realizzate con il drone, tour virtuali a trecentosessanta gradi, video e immagini in altissima risoluzione: il progetto 'Umbriabox' utilizza le tecnologie più avanzate per creare esperienze immersive e interattive all’interno di alcuni dei più importanti musei umbri. 

Attraverso la sezione 'Umbriaexplora' di www.umbriabox.it è possibile entrare virtualmente all’interno di pinacoteche e strutture museali, avere informazioni e scoprire curiosità e segreti relativi ai capolavori che vi sono conservati, conoscere la storia dei dodici borghi insieme al loro patrimonio artistico. Dai mosaici e dalle statue di epoca romana fino ai meravigliosi gruppi scultori di età medievale, dalle opere straordinarie di artisti come Benozzo Gozzoli, Perugino, Corrado Giaquinto, Luca Signorelli fino alle creazioni in ceramica realizzate a mano nel corso dei secoli: con 'Umbriabox' il visitatore ha l’impressione di toccare con mano e vedere da molto vicino una cospicua parte del patrimonio regionale.

Attraverso lo schermo del telefono, del tablet o del computer, grazie all’elevatissima risoluzione dei video, l’utente prova la stessa emozione di quando si trova al cospetto di un’opera d’arte o di quando cammina fra le sale di un museo e può scegliere su quale quadro soffermarsi, quale argomento approfondire, da quale artista lasciarsi incantare. 'Umbriabox' permette di far conoscere a un pubblico vastissimo e diffuso in ogni parte del mondo questi dodici borghi dell’Umbria che nascondono scrigni pieni di tesori artistici. 

Uno strumento di promozione dalle ampissime possibilità per il territorio regionale che comprende anche una sezione, 'Umbriadocumenta', dedicata alla didattica museale per adulti e bambini. Attraverso dei video tutorial realizzati all’interno dei musei umbri l’utente può scoprire i segreti delle più importanti tecniche artistiche, come la tempera, l’affresco o il mosaico, e seguire le indicazioni degli operatori per realizzare i propri capolavori senza muoversi da casa. 'Umbriabox' è un portale dinamico e in continua evoluzione: nelle prossime settimane si arricchirà di nuovi video a carattere turistico e della versione in inglese di tutti i contenuti.

Il progetto è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa virtuale alla presenza di Antonella Pinna, dirigente del servizio valorizzazione risorse culturali, musei, archivi e biblioteche della Regione Umbria, che ha contribuito alla realizzazione del progetto, del sindaco di Spello Moreno Landrini, comune capofila del progetto 'Umbriabox', del sindaco di Deruta Michele Toniaccini, comune capofila della rete Terre e Musei dell’Umbria, di sindaci e amministratori degli altri comuni aderenti al progetto e di Simona Menci, vice presidente della società cooperativa Sistema Museo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vedute panoramiche realizzate con il drone e tour virtuali: ecco 'Umbriabox'

PerugiaToday è in caricamento