menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Umbria in zona arancione, Confcommercio: "Ristori rapidi e semplici per chi dovrà chiudere"

Cardinali, presidente umbro della Federazione Pubblici Esercizi: "Servono poi ulteriori settimane di Cassa Integrazione, liquidità a lungo termine e interventi su credito e locazioni"

Subito i ristori agli esercizi che saranno costretti a chiudere per l'emergenza coronavirus. Questo il messaggio di Roberto Cardinali, presidente di Fipe Umbria Confcommercio: "Per ora l’unica cosa certa sono le chiusure - spiega -. Il passaggio dell’Umbria in 'zona arancione' rende perciò ancora più urgente la questione dei ristori, che devono arrivare alle imprese dei pubblici esercizi, bar e ristoranti, in tempi rapidissimi e secondo modalità semplificate”.

Coronavirus, l'Umbria entra in zona arancione: cosa cambia

LE RICHIESTE - I ristori non sono però l'unica misura necessaria secondo Cardinali: “Intervenendo in audizione davanti alle Commissioni riunite Finanza e Bilancio del Senato - aggiunge - Fipe ha chiesto diversi correttivi al decreto Ristori: di alzare il coefficiente di moltiplicazione per il calcolo dei contributi destinati alle imprese della ristorazione e di intrattenimento, a cominciare da quelle che operano nelle zone rosse e arancioni come l’Umbria, ulteriori settimane di Cassa Integrazione e liquidità a lungo termine. Ci sono poi due aspetti essenziali sui quali intervenire il più presto possibile: il credito, per il quale serve subito un patto con il sistema bancario per la liquidità delle imprese, e le locazioni, visto che gli imprenditori di questo settore hanno ormai difficoltà a sostenere i costi degli affitti che sono balzati dal 10% al 30% come incidenza del fatturato”.

VIDEO Coronavirus, nell'ospedale da campo dell'Esercito: "Così sarà organizzato"

UNO 'TSUNAMI' - Secondo le stime di Fipe, negli ultimi nove mesi sui pubblici esercizi italiani si è abbattuto un vero e proprio tsunami: mentre in epoca pre-Covid il mondo della ristorazione e dell’intrattenimento contava 330mila imprese, 1,3 milioni di addetti e 90 miliardi di euro di fatturato, il 2020 è destinato a chiudersi con una perdita del 27%, pari a 26 miliardi di euro senza contare le restrizioni imposte dal nuovo Dpcm.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento