Coronavirus, riaprono i mercati agricoli e artigianali di Perugia. Le regole da seguire

Il Comune ha autorizzato la riapertura anche dei chioschi dei fiori. Il calendario dei prossimi eventi

Il Comune di Perugia riapre ha emanato l’ordinanza che autorizza la ripresa delle attività di commercio mercatale ad iniziativa privata, in particolare di quelli a rilevanza locale e mercati agricoli ad iniziativa privata in aree private, compresi i chioschi di fiori. La vendita sarà limitata ai soli generi alimentari e agricoli e secondo le scadenze già inserite nel calendario regionale.

Potranno, dunque, riaprire i seguenti mercati:

Agricoltura in città - Sopramuro in P.zza Matteotti (6 maggio - 3 giugno, il mercoledì: 8.00 – 17.00)

Artigianato contemporaneo - Sopramuro in P.zza Matteotti (13 maggio - 10 giugno, il mercoledì: 8.00 – 17.00)

Artigiani e tradizioni - Sopramuro in P.zza Matteotti (27 maggio - 24 giugno, il mercoledì: 8.00 – 17.00)

Sapori della Terra - Sopramuro in P.zza Matteotti (20 maggio - 17 giugno, il mercoledì: 8.00 – 17.00)

Umbria Terra Viva in P.zza Piccinino(P.zza Italia in caso di indisponibilità dell’area - 7 giugno la prima domenica del mese h. 8.00 – 20.00)

Mostra Mercato Borgo Sant’Antonio e della Pesa (C.so Bersaglieri, 23 maggio Sabato h. 9.00 – 21.00)

Terra fuori mercato – mercato contadino e dell’artigianato consapevole (Parcheggio c/o CVA Ponte S. Giovanni, 16 Maggio - 20 Giugno, Sabato: h. 8.00 - 14.00)

Mercatezio – Fuori mercato a San Marco (piazzale c/o palazzetto dello sport San Marco (Cenerente in caso di indisponibilità dell’area, 9 Maggio - 13 Giugno, 2° sabato del mese 8.00 – 14.00)

Il mercato dei produttori di Campagna amica (Parcheggio c/o CVA Ponte S. Giovanni, 12-19-26 Maggio - 9-16-23-30 Giugno, Martedì: h. 7.30 - 13.00)

Mercato agricolo di Coldiretti a Pian di Massiano (Giovedì: h. 7.30 – 13.00)

Sarà cura degli organizzatori delle manifestazioni garantire l’attuazione delle prescrizioni di esercizio, mutuate da quelle adottate nei mercati comunali, con l’addebito di ogni responsabilità in caso di omissione. Dovrà essere garantita la presenza di almeno un addetto alla vigilanza incaricato di assicurare il distanziamento della clientela in caso di assembramenti; i singoli posteggi o gli stand destinati alla vendita di prodotti alimentari e agricoli dovranno essere alternati con postazioni libere, con postazioni commerciali di dimensioni complessive non superiori ai limiti di legge (8 mt. X 4 mt.), adottando nel caso una disposizione a scacchiera delle stesse. Il numero massimo degli operatori previsto nella tabella dovrà essere ridotto in funzione della disponibilità complessiva degli spazi e del rispetto prioritario della presente prescrizione; la clientela dovrà essere informata con appositi cartelli sulle disposizioni previste dalla normativa. Ciascun operatore relativamente alla postazione di vendita dovrà, inoltre, mettere a disposizione della clientela adeguato materiale disinfettante in prossimità dell’area ove avviene il pagamento della merce; gli addetti alla vendita dovranno indossare idonea mascherina ed utilizzare guanti monouso per servire gli avventori, diversi o opportunamente igienizzati rispetto a quelli utilizzati per le operazioni di riscossione dei pagamenti; non sarà consentito l’ingresso all’interno del posteggio e dovrà essere mantenuta la distanza interpersonale di un metro in prossimità dello stesso, non sarà consentita la vendita in modalità selfservice; la merce posta in vendita dovrà essere idoneamente schermata o tenuta a distanza tale da impedire che venga toccata dagli avventori.

Gli organizzatori delle mostre mercato saranno tenuti, peraltro, alla trasmissione tempestiva agli uffici comunali delle planimetrie delle manifestazioni, come ridefinite in ottemperanza delle prescrizioni impartite, anche in sanatoria dei progetti già depositati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la stessa ordinanza, a seguito della riapertura dei cimiteri comunali e delle attività mercatali su area pubblica di vendita di generi alimentari e prodotti agricoli, si provvede anche a disporre la formale riapertura delle attività di vendita dei chioschi di fiori in sede fissa a servizio delle aree cimiteriali e dei chioschi alimentari in sede fissa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carlo Acutis, tante le richieste di visita: posticipata la chiusura della tomba del beato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento