Economia

Cassa integrazione, pagato solo un lavoratore su tre e grazie all'anticipo del datore di lavoro

Sono 8.317 le domande all'Inps, i beneficiari sono 21.610, autorizzate 7.517 richieste e pagate 4.010, in 7.982 hanno ricevuto il pagamento

I lavoratori umbri cui spetta la cassa integrazione sono 21.610, ma ad aver ricevuto la mensilità sono appena 7.982, poco più di un terzo. E chi è stato pagato deve dire grazie all’anticipazione del datore di lavoro.

Sono questi i numeri che si ottengono incrociando i dati Inps (fermi all’11 maggio) con quelli dell’Arpal, l’agenzia regionale per il lavoro (pur con qualche discrepanza.

Ad esempio le domande ricevute dall’Inps sono 8.317, i potenziali beneficiari sono 21.610, le domande autorizzate 7.517, le domande pagate 4.010, mentre i beneficiari che hanno ricevuto il pagamento sono 7.982.

L'assessore regionale Michele Fioroni (al 7 maggio) aveva confermato il numero di lavoratori ammessi ad usufruire degli ammortizzatori sociali in deroga, per un impegno di risorse complessivo pari a 38 milioni e 982.000 euro. La Regione ha approvato, inoltre, un accordo con Banco Posta per l’anticipazione.

I ritardi, però, si sono accumulati di giorno in giorno fino alla snervante attesa per 13.628 lavoratori. L’Inps ha anche deciso di semplificare la procedura per le domande di cassa integrazione con Iban errato. Il decreto Rilancio prevede ulteriori semplificazioni per il pagamento della cassa integrazione da parte dell’Istituto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassa integrazione, pagato solo un lavoratore su tre e grazie all'anticipo del datore di lavoro

PerugiaToday è in caricamento