menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nomine & Poltrone - Confindustria Umbria, eletti il presidente e il consiglio direttivo di Foligno

L’imprenditore Paolo Bazzica, del Gruppo Bazzica, è stato confermato alla presidenza della Sezione territoriale di Foligno di Confindustria Umbria per il biennio 2018-2020

L’imprenditore Paolo Bazzica, del Gruppo Bazzica, è stato confermato alla presidenza della Sezione territoriale di Foligno di Confindustria Umbria per il biennio 2018-2020. Il Presidente, il Vicepresidente Nadia Mariotti del Colorificio Mariotti e il Consiglio Direttivo sono stati eletti dall’Assemblea delle imprese associate che si è riunita ieri. Il presidente Bazzica ha ripercorso l’attività della Sezione, che conta cento imprese con oltre 3 mila dipendenti, e tracciato gli indirizzi futuri.

“Il nostro impegno, grazie al contributo di tutto il consiglio direttivo – ha sottolineato Bazzica - continuerà a essere quello di interpretare al meglio le esigenze di sviluppo delle imprese per rappresentarle agli interlocutori istituzionali locali con cui in questi anni abbiamo instaurato un costante confronto su temi come la ricostruzione post-terremoto, la riqualificazione urbanistica, i servizi alle imprese e la valorizzazione delle eccellenze produttive del territorio”.

Ospiti della parte pubblica dell’Assemblea sono stati Nando Mismetti, Sindaco di Foligno e Presidente della Provincia di Perugia, Donatella Porzi, Presidente dell’Assemblea Legislativa Regione Umbria e Antonio Alunni, Presidente di Confindustria Umbria.

“Intrattengo rapporti istituzionali con Confindustria fin dal 1997 – ha ricordato Nando Mismetti - Sono stati vent’anni complessi segnati da due eventi come il terremoto e la crisi economica, ma anche ricchi di opportunità. Anni comunque caratterizzati da un tratto distintivo: lo sforzo, al di là delle diverse posizioni, di lavorare insieme alla ricerca di una sintesi a vantaggio della comunità del nostro territorio. Questo modo di lavorare ha consentito, in un’epoca di crisi sociale e valoriale, di non perdere il senso di appartenenza e la coesione sociale”.    

“Credo sia giusto che, in queste occasioni, chi ricopre un incarico debba ascoltare - ha sottolineato Donatella Porzi - La realtà economica folignate è esempio di un gruppo coeso capace di condividere obiettivi e di contribuire ciascuno con il proprio punto di vista e le proprie competenze. Questo modo di agire denota grande senso di responsabilità e concorre a ricercare quel bene comune che deve essere il principale obiettivo condiviso insieme alla responsabilità verso le generazioni future”.

“Foligno è un esempio virtuoso per tutta la nostra regione – ha concluso Antonio Alunni – Questo territorio ha dimostrato di riuscire ad ottenere successi anche nelle difficoltà. E ciò è potuto avvenire anche grazie alla qualità del suo tessuto imprenditoriale. Il percorso di crescita e sviluppo di una comunità non può prescindere dall’industria che deve tornare ad essere un tema centrale. La nostra dimensione territoriale ci consente un confronto constante e costruttivo. Alle istituzioni chiediamo di rimanerci vicine per condividere le istanze essenziali per lo sviluppo. D’altra parte, il nostro impegno sarà quello di continuare a dare il nostro contributo in termini di contenuti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento