rotate-mobile
Economia

Luce e gas alle stelle, la protesta degli imprenditori: "Rincari folli, bollette esposte in vetrina"

Confcommercio Umbria ha inviato oggi agli imprenditori associati l’invito ad aderire e una locandina dove indicare gli importi di luce e gas 2022 e 2021

Luce e gas alle stelle, scatta la protesta degli imprenditori. Confcommercio annuncia che anche l’Umbria aderisce alla campagna “Bollette in vetrina”, partita a livello nazionale dalla Fipe, la Federazione dei Pubblici Esercizi di Confcommercio, "che si va allargando ora a tutti i settori, perché il problema dei folli rincari energetici degli ultimi mesi riguarda proprio tutte le imprese". L’obiettivo dell’iniziativa, sottolinea la nota, "è duplice: sensibilizzare l’opinione pubblica, peraltro già allertata visto che gli stessi aumenti stanno interessando anche le famiglie, ma soprattutto far capire alla politica la necessità di agire subito".

Confcommercio Umbria ha inviato oggi agli imprenditori associati l’invito ad aderire e una locandina dove indicare gli importi di luce e gas 2022 e 2021 per metterli a confronto e testimoniare concretamente le enormi difficoltà in cui si trovano oggi le imprese.

"Complessivamente - sottolineano da Confcommercio - , la spesa in energia per i comparti del terziario nel 2022, ha denunciato Confcommercio, ammonterà a 33 miliardi di euro, il triplo rispetto al 2021 e più del doppio rispetto al 2019 (14,9 miliardi). È uno scenario purtroppo suscettibile di un ulteriore peggioramento senza interventi specifici e nuove misure di sostegno, e che può portare a una forte frenata all’economia nella seconda parte dell’anno".

E ancora: "I costi dell’energia sono, ormai, da vera emergenza. Il nuovo Governo dovrà dare risposte immediate accelerando soprattutto su Recovery Fund energetico europeo e fissazione di un tetto al prezzo del gas. È vitale tagliare drasticamente il costo dell’energia per tutte le imprese, anche quelle non ‘energivore’ e ‘gasivore’. In caso contrario si rischia di vanificare la ripresa economica di questi ultimi mesi".

Secondo la stima di Confcommercio "tra le imprese del terziario di mercato sono ben 120mila, all’incirca, quelle a rischio chiusura da qui ai primi sei mesi del 2023, con relativi 370mila posti di lavoro in bilico".

Tra i settori più esposti, prosegue Confcommercio, "il commercio al dettaglio (in particolare la media e grande distribuzione alimentare che a luglio ha visto quintuplicare le bollette di luce e gas), la ristorazione e gli alberghi che hanno avuto aumenti tripli rispetto a luglio 2021, i trasporti che oltre al caro carburanti (+30-35% da inizio pandemia ad oggi) si trovano ora a dover fermare i mezzi a gas metano per i rincari della materia prima. A risentire pesantemente della situazione sono però anche i liberi professionisti, le agenzie di viaggio, le attività artistiche e sportive, i servizi di supporto alle imprese e il comparto dell’abbigliamento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luce e gas alle stelle, la protesta degli imprenditori: "Rincari folli, bollette esposte in vetrina"

PerugiaToday è in caricamento