rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Economia

Comitati in azione, boom di firme per la petizione umbra che si batte per la strategia "Rifiuti Zero"

Tra le proposte c'è la realizzazione di un’impiantistica a freddo con recupero di materia

A circa dieci giorni dalla pubblicazione della petizione lanciata dal Coordinamento Regionale Umbria Rifiuti Zero per un piano rifiuti all'insegna dei riciclo, del rifiuti zero e della creazione di nuovi posti di lavoro, sono state raccolte oltre 1400 firme dei cittadini dell’Umbria e inoltre la proposta è stata sottoscritta anche da numerose associazioni del territorio. 

Tra i 17 punti programmatici contenuti nel suddetto documento, figura la proposta per la realizzazione di un’impiantistica a freddo con recupero di materia. Si tratta di un impianto di trattamento del rifiuto urbano residuo che riesce a recuperare i materiali riciclabili presenti nell’indifferenziato (si parla di quantitativi importanti, stimati in una percentuale che va dal 35% al 50% del totale del rifiuto trattato).

Tale impiantistica rappresenta un’alternativa valida a quella di produzione del CSS ipotizzata, invece, dalla Regione, con la significativa differenza che, in quest’ultimo caso, i costi di smaltimento dei rifiuti sono destinati ad aumentare ulteriormente poiché il CSS combustibile prodotto dovrà essere incenerito nei cementifici e ciò avverrà a spese dei cittadini; saranno, infatti, questi ultimi a dover pagare i cementifici per ogni tonnellata smaltita.

Inoltre, l’impianto di produzione del CSS è “statico” in quanto può lavorare solo il rifiuto indifferenziato, mentre, l’impiantistica a freddo con recupero di materia da noi proposta è “flessibile” riuscendo a separare le frazioni differenziate e, per tale motivo, risulta adattabile allo scenario incrementale della raccolta differenziata senza necessità di creare nuovi impianti di trattamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitati in azione, boom di firme per la petizione umbra che si batte per la strategia "Rifiuti Zero"

PerugiaToday è in caricamento