La multinazionale Loacker punta sull'agricoltura umbra: ecco la coltivazione che può rilanciare le aziende

I rappresentati della società leader nel settore dolciario, insieme a Intesa San Paolo, incontreranno i soci di Coldiretti per iniziare una collaborazione finalizzato al prodotto made in Umbria

C'è una coltivazione che potrebbe fare la fortuna di vecchi e neo-agricoltori. Una coltivazione che produce una materia prima molto ricercata dalle grandi multinazionali del cioccolato e snack e che interessa anche le pasticcerie di qualità di tutto il Paese. Stiamo parlando della produzione della nocciola - già presente in Umbria ma che è da implementare - su cui stanno concentrando gli interessi sia della Ferrero - contatti con l'Unipg - e la Loacker che tramite Coldiretti e Intesa San Paolo vogliono presentare un progetto di collaborazione con le imprese agricole del territorio.

Il tutto in uno incontro domani alle 15 alla sede dell'associazione dei coltivatori diretti di via settevalli. Il progetto Loacker prevede un contratto di filiera che si fonda, tra l’altro, su un prezzo minimo garantito, così come su premialità per quegli imprenditori agricoli capaci di esprimere produzioni di eccellenza. L'obiettivo è anche quello di incrementare il made in Italy che in questi anni è stato messo a rischio dalle nocciole estere, spesso con caratteristiche e qualità molto lontane dalle nostre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ettaro di noccioleto - ricorda Coldiretti - ha una capacità produttiva variabile tra i 20 ed i 25 q.li per ettaro; il prezzo medio delle nocciole degli ultimi 10 anni è stato di 250,00 € al quintale circa. In condizioni agronomiche adeguate, il noccioleto entrerà in produzione al quinto anno, raggiungendo la produzione di regime dall’ottavo-nono anno; la vita di una pianta di nocciolo monocaule è stimabile in 40/50 anni. Insomma un investimento che diventa sempre più fattibile dopo l'ingresso in Umbria di grandi acquirenti che sono interessati alle caratteristiche uniche delle nostre nocciole. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento