menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La stagione fiscale è iniziata: il 730 precompilato? Pieno di rischi: "Multe e agevolazioni perse"

Il Caf della Cgil ha lanciato uno studio dove ribadisce tutti i punti deboli del precompilato. "E' necessaria una consulenza del caf per evitare sanzioni e la perdita di importanti agevolazioni: ecco quali"

Non è una passeggiata il 730 precompilato - siamo entrati ufficialmente nella stagione delle tasse e della dichiarazione dei redditi - che è uno degli strumenti più utilizzati tra i lavoratori dipendenti dell'Umbria. La novità del 2015 deve essere ancora rodotata per evitare guai al contribuente che per molti aspetti non è ancora pronto ad un 730 avallato in proprio.

Di questo sono sicuri gli uomini e le donne del Caf Cgil che da fine marzo hanno lanciato una campagna fiscale a tutela del cittadini dai rischi nascosti presenti nel nuovo 730 precompilato. Non è un mistero che, dopo lo scotto del passato anno, in molti stanno ritornando ai Caf - la Cgil registra un più 16 per cento rispetto allo stesso periodo del 2015 - per una consulenza ulteriore  con il duplice scopo di evitare multe o la perdita di certi sconti fiscali importanti. "Ci preme precisare - hanno ribadito dal Caf - che rispetto alla tranquillizzante campagna pubblicitaria dell'Agenzia delle Entrate, rileviamo alcune criticità nella elaborazione del 730 precompilato".

La Lista dei buchi: mancata opportunità di inserire tutte le spese sanitarie, rimangono fuori o incompleti i costi dei farmaci; non è vero che i costi della ristrutturazione delle abitazioni (agevolazioni) vengono registrate; non sono inseriti in maniera certa i costi delle iscrizioni universitarie tanto è vero che necessitano di controlli approfonditi; il quadro dei familiari a carico è spesso incompleto. Un clima di incertezza che può produrre una serie di multe pesanti, per ogni singolo errore. Da qui la necessità di un passaggio al Caf per avallare un 730 precompilato che spesso deve essere aggiustato su misura reale del contribuente.

Attraverso il sito www.CaafCgil.com/Umbria/home e la pagina Facebook CAAF-CGIL Umbria, è possibile conoscere la specificità dei servizi offerti, avere informazioni qualificate, l’indicazione della documentazione necessaria per ogni pratica, la prenotazione dell’appuntamento per i servizi. Inoltre, sempre attraverso il sito, è possibile accedere ad un proprio “cassetto fiscale”, realizzato per ogni utente, dove si trovano i propri documenti fiscali da consultare o stampare in maniera riservata, attraverso l’assegnazione di una password da parte del nostro CAAF.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento