Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia

Cemento in Umbria, i sindacati: "La riconversione non può pagarla il lavoro"

I rappresentanti dei lavoratori a confronto con Regione e Comune di Gubbio: "Servono un tavolo permanente e un progetto di sostenibilità sociale e ambientale"

Un tavolo permanente di confronto tra aziende, istituzioni e parti sociali sulla riconversione ecologica del settore cemento in Umbria. Questo hanno chiesto oggi (lunedì 27 settembre) Cgil, Cisl e Uil, insieme alle categorie dei lavoratori del settore e dell’indotto (trasporto e manutenzione meccanica), nell’incontro con la 'governatrice' Donatella Tesei e Filippo Maria Stirati, sindaco di Gubbio. 

“La riconversione ecologica non passa solo per l’individuazione di soluzioni immediate per il problema delle quote di Co2 prodotte - spiegano i sindacati - quindi non si può e non si deve parlare solo di Css. Al contrario è necessario costruire una strategia complessiva che traguardi gli obiettivi di riduzione delle emissioni richiesti dall’Europa fino alla neutralità carbonica del 2050”.

I rappresentanti dei lavoroatori sono convinti che solo in questo modo sarà possibile garantire al contempo tenuta occupazionale, riduzione dell’impatto ambientale e competitività delle imprese. “Abbiamo riscontrato attenzione e disponibilità da parte delle istituzioni - riferiscono Cgil, Cisl e Uil - per lavorare insieme sulla programmazione, che include anche il grande tema delle risorse del Pnrr che potrebbero consentire di proiettare il settore nel futuro, seguendo gli indirizzi strategici dell’Europa”. 

Il settore (che stando ai dati delle sigle sindacali conta attualmente 500 addetti diretti e circa 1000 nell’indotto) rappresenta un verso e proprio distretto, quindi - hanno rimarcato Cgil, Cisl e Uil - ha l’assoluta necessità di avere una politica industriale dedicata e lungimirante. “Riconoscendo che c’è un problema oggettivo di capacità produttiva - concludono i sindacati - riteniamo che questo sia un banco di prova fondamentale per affrontare i problemi occupazionali generati dalla riconversione ecologica, che richiedono appunto una risposta strategica e sostenibile dal punto di vista sociale”. 

Cgil, Cisl e Uil hanno dunque lasciato il tavolo regionale ottenendo un impegno alla riconvocazione dello stesso entro 15 giorni, insieme alle aziende. L’obiettivo immediato è quello di evitare procedure di riduzione occupazionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cemento in Umbria, i sindacati: "La riconversione non può pagarla il lavoro"

PerugiaToday è in caricamento