Lavoro in Umbria, cassa integrazione: in un anno più 37%

Dall'analisi del Centro studi di Confartigianato, emerge un incremento annuo del ricorso alla cassa integrazione in Umbria del 37% che mette la Regione al terzo posto a livello nazionale

L'Umbria al terzo posto della graduatoria nazionale sull'utilizzo della cassa integrazione straordinaria e il segretario di Confartigianato Imprese Perugia, Stelvio Gauzzi, commenta l’analisi del Centro studi di Confartigianato nazionale, su dati Inps: "Mercato del lavoro sempre più in crisi. Tra gennaio e luglio 2012 le ore di cassa integrazione (cig) autorizzate per operai e impiegati delle aziende umbre sono state di quasi 18 milioni. Rispetto ad un anno fa, si attesta un aumento pari al 37 per cento, che colloca la nostra regione al terzo posto del rank nazionale per l’utilizzo di cig straordinaria”.

Uno studio che rileva un’incidenza pari al 31,5 per cento per quella ordinaria, a livello nazionale, del 35,9 per cento per quella straordinaria, del 32,6 per cento per quella in deroga, rispetto al totale degli interventi di cassa integrazione.

A livello percentuale, dunque, l’Umbria, nel quadro nazionale, si attesta al terzo posto, con un aumento del 37 per cento delle ore autorizzare di cig, preceduta dalla Sicilia al primo posto (+76,6 per cento) e poi dalla Basilicata (+39,2 per cento).

Peggiora il settore dei servizi e difficoltà per quello delle costruzioni e agricoltura. Inoltre, l’analisi offre un quadro complessivo dei valori assoluti dal quale si evidenzia che il dato peggiore riguarda il settore dei servizi, che tra gennaio e luglio 2012, ha fatto registrare, a livello nazionale, un aumento del 32,6 per cento del numero di ore di cig concesse (pari al 35,7 milioni di ore in più). Segue il settore delle costruzioni con un aumento del 30,5 per cento delle ore autorizzate di cassa integrazione (pari a +18,5 milioni di ore), l’agricoltura con un aumento del 48,4 per cento (pari a +1,3 milioni di ore) e l’artigianato con un aumento del 6 per cento.

La situazione dell'artigianato. Per quanto riguarda l’artigianato, le ore di cig concesse, a luglio 2012, sono circa 50 milioni, pari al 7,9 per cento del totale delle ore autorizzate di cig e al 24,3 per cento delle ore di cassa integrazione in deroga. “In attesa dei dati dell’Istat sull’occupazione – ha sottolineato il segretario generale di Confartigianato, Cesare Fumagalli – la nostra analisi mostra la preoccupante situazione del mercato del lavoro italiano. Ad agosto 2012 quasi tre consumatori su quattro, e cioè il 72,8 per cento, si aspettano un incremento della disoccupazione: si tratta del valore più elevato registrato nel mese di agosto degli ultimi 17 anni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’artigianato – conclude Stelvio Gauzzi –, nonostante la crisi che attraversa, conferma la minore propensione ad utilizzare lo strumento della cassa integrazione ordinaria, mentre rimane la necessità di poter disporre di ammortizzatori sociali efficaci e propri del settore, come quelli gestiti attraverso il modello degli enti bilaterali”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento