rotate-mobile
Sabato, 20 Agosto 2022
Economia

Caro energia, Confindustria chiede l'intervento della Regione: "Facilitare autorizzazione nuovi impianti per le rinnovabili"

L’inarrestabile aumento del costo dell’energia per famiglie e imprese rimane la principale preoccupazione di Confindustria Umbria che ribadisce l’urgenza di affrontare la questione con misure a carattere strutturale, capaci di garantire nel lungo periodo la disponibilità di risorse energetiche nelle quantità necessarie e a prezzi accessibili per il mercato, lontane dai recenti 180 euro megawattora del gas. 

"È evidente - hanno spiegato da Confindustria - che la questione va affrontata in ambito nazionale ed europeo, ma in Umbria ci sono spazi di manovra che occorre presidiare a partire dalla rapida identificazione delle aree idonee alla localizzazione di impianti per le rinnovabili e soprattutto alla riduzione dei tempi di risposta per le autorizzazioni relative agli investimenti in energia, rifiuti e infrastrutture. Si tratta di scelte a volte “scomode”, e frenate spesso da posizioni ideologiche, ma fondamentali per delineare in Umbria una prospettiva costruttiva per l’intera comunità".
 
In questo senso, destano preoccupazione i ritardi nella installazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile e per l’implementazione di combustibili alternativi. "Ritardi - hanno concluso - che toccano da vicino l’operatività di più di un’azienda del territorio. L’incremento costante dei costi di energia, combustibile e materie prime, e il conseguente assottigliamento dei margini determina forti difficoltà nella gestione ottimale degli impianti industriali e mette a rischio la produttività delle aziende con preoccupazioni anche per la tenuta occupazionale. Il non trovare soluzioni strutturali immediate al caro energia vorrà dire dover affrontare un problema sociale devastante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro energia, Confindustria chiede l'intervento della Regione: "Facilitare autorizzazione nuovi impianti per le rinnovabili"

PerugiaToday è in caricamento