Una boccata d'ossigeno per le piccole e medie imprese umbre, bando regionale da 5 milioni di euro

La dotazione finanziaria del nuovo avviso regionale ammonta a ben cinque milioni di euro ed è pensato per le piccole e medie imprese che intendono realizzare investimenti innovativi

Buone notizie per le piccole e medie imprese dell’Umbria. E’ stato pubblicato oggi, giovedì 26 aprile,  il bando per i contributi sugli investimenti. La dotazione finanziaria del nuovo avviso regionale ammonta a ben cinque milioni di euro ed è pensato per le piccole e medie imprese che intendono realizzare investimenti innovativi, conseguendo l’ampliamento della capacità produttiva e dell’occupazione e con specifica dotazione del 50 per cento delle risorse  destinata a settori importanti del sistema produttivo umbro quali il tessile, l’abbigliamento, la ceramica, la produzione del mobile, la lavorazione del legno e, più ingenerale, l’arredo casa.

Fabio Pararelli, vice presidente della Giunta regionale dell’Umbria ed assessore allo sviluppo economico, sottolinea: “Si tratta di aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni tangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale che trovano copertura nelle risorse del POR FESR  2014 – 2020. Il nuovo strumento regionale – spiega Paparelli -, che si colloca in linea con le indicazioni nazionali del Piano sull’Impresa 4.0, ha come obiettivo quello di favorire e supportare le dinamiche di innovazione premiando anche l’incremento occupazionale. Gli interventi finanziabili sono investimenti innovativi finalizzati all’introduzione in azienda sia di nuovi prodotti e/o processi produttivi sia all’ampliamento della capacità dell’unità locale dell’impresa che si trova nel territorio regionale”.

 “Una ulteriore specificità – prosegue Paparelli - deriva dal fatto che il 60 per cento delle risorse regionali a disposizione sono destinate alle piccole imprese, che costituiscono l’ossatura del nostro sistema economico, raccogliendo in pieno lo spirito dello Small Business Act che si fonda sul principio “Think small first”. Un’azione concreta che si traduce nella concessione di contributi fino al 30 per cento per le piccole imprese e che coglie la specificità del tessuto produttivo dell’Umbria, in particolar modo l’importanza del sistema delle imprese artigiane”.

L’avviso, che prevede una procedura valutativa a sportello, è consultabile sul Bur n.17 del 26 aprile 2018. La compilazione delle domande di ammissione a contributo per la procedura valutativa a sportello potrà essere effettuata a partire dalle ore 10 del 9 maggio e fino alle ore 12 del 22 giugno 2018 utilizzando esclusivamente il servizio online raggiungibile all’indirizzo: https://www.regione.umbria.it/attivita-produttive-e-imprese/investimenti-innovativi.L’invio delle stesse domande potrà essere effettuato dal 30 maggio, a partire dalle 10, e fino alle 12 del 22 giugno 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento