menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'azienda perugina famosa in tutto il mondo: i due ex operai che fatturano 8 milioni di euro l'anno

Augusto Santicchi, fondatore e presidente della Metalprogetti, porta nel mondo, con orgoglio e semplicità, il nome e l’immagine della città del Grifo

Due ex operai della Perugina, marito e moglie, hanno creato la Metalprogetti, un’azienda famosa nel mondo, in grado di fatturare oltre 8 milioni di euro all’anno. Non a caso il suo slogan è “in movimento”, anche in relazione al tipo di prodotto offerto.

Augusto Santicchi, il patron, faceva il manutentore meccanico presso la ditta leader del cioccolato di Perugia. Il “sòr Agusto” inventò, tra l’altro, una macchina in grado di recuperare, senza intervento manuale, il cioccolato che veniva liberato dell’incarto in modo automatico per il riciclo. Dotato di grande passione e creatività, questo intraprendente operaio, tra la fine degli anni 70 e gli 80, pensò di mettersi in proprio e tentare l’avventura imprenditoriale. Ci è riuscito così bene da aver fondato un’azienda che non teme rivali nel mondo.

La sua specializzazione è quella di creare macchinari per la movimentazione e la gestione automatica di guardaroba di comunità, presso ospedali, grandi alberghi, lavanderie, navi da crociera, case di produzione automobilistica. Al guardaroba, l’utente consegna il capo che finisce tra i tanti in custodia, riceve una tesserina codificata e, al ritorno, si vede restituito il proprio indumento personale. Senza possibilità di errore. Un operatore lavora a un touch-screen, gestendo con scioltezza le operazioni di ritiro e riconsegna, in modo preciso ed economico. 

La fabbrica, col logo dei quattro dadi, ha la sede centrale in via Morettini, una traversa di via Settevalli. Il laboratorio-officina sembra una clinica, tanto è pulito e ordinato. Sei ingegneri  in team (meccanica, elettronica, informatica) sono impegnati a tempo pieno nella ricerca per progettare il macchinario, tarandolo sulle esigenze del cliente e conformandolo alla struttura dell’edificio o dello spazio in cui verrà installato. Sono oltre quaranta i brevetti usciti dal pensatoio-laboratorio dell’azienda perugina, anche in collaborazione con l’università. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento