L'allarme di Confartigianato Perugia: "Aumenta la pressione fiscale: così ci affossano"

Il segretario Gauzzi: "La politica delineata dalla Legge di bilancio non è soddisfacente"

Tasse e burocrazia. Questo continua a essere l'incubo delle imprese anche in Umbria come nel resto d'Italia. E a lanciare un grido di allarme è Stelvio Gauzzi: “L’esame dei recenti dati relativi al bilancio pubblico diffusi dall’Istat - afferma il segretario di Confartigianato Imprese Perugia - conferma l’elevato livello della pressione fiscale, associato ad una bassa crescita dell’economia italiana. Nella media degli ultimi quattro trimestri (quarto trimestre 2018-terzo trimestre 2019, ndr) il prelievo fiscale sale dell’1,6% su base annua mentre, nello stesso periodo, il Pil nominale sale dello 0,9%”. Un trend, in linea con quello regionale umbro, che penalizza in particolare i territori che per criticità contingenti (come le aree terremotate) o difficoltà strutturali (problema che riguarda anche l’Umbria) si trovano in maggiori difficoltà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A seguito di tali andamenti - prosegue Gauzzi - la pressione fiscale si mantiene al 42,1% del Pil, in linea con il trimestre precedente, ma in salita di 0,3 punti rispetto al 41,8% rilevato un anno prima”. Nel mirino finisce anche l'ultima Legge di bilancio che secondo Confartigianato ha delineato una prospettiva di politica fiscale insoddisfacente per il mondo delle imprese che devono fare i conti anche con la complessità delle pratiche e delle incombenze a loro carico. “Anche la burocrazia fiscale - evidenzia a questo proposito Gauzzi - rimane un fardello pesante per le imprese italiane. Secondo l’ultima rilevazione della Banca Mondiale, l’Italia è al 128° posto nel mondo per pagamento delle imposte, con 238 ore necessarie per pagare le tasse di una impresa tipo, il 50% in più delle 159 ore della media Ocse; si tratta del ranking peggiore tra i dieci ambiti esaminati dalla rilevazione Doing business”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento