Lavoro, giovani umbri riscoprono la terra in chiave anti-crisi

Dossier sull'economia dell'Umbria da parte del Sole 24 Ore: il 10 per cento delle aziende sono formate da giovani. Ma il settore non potrà lenire la perdita di posti di lavoro dell'industria

La riscoperta dell'agricoltura da parte dei giovani umbri in chiave anti-crisi infinita, che ha paralizzato le assunzioni nel pubblico impiego e allo stesso tempo ha bloccato il settore cruciale del manifatturiero, è stato al centro di un dossier del Sole 24 ore sul futuro dell'economia regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se prima soltanto un 1 per cento dei giovani investiva tempo e denaro su questo campo, ora dal 2010 ad oggi il dato è salito al 10 per cento e continua a crescere anche a fronte di export di prodotti tipici che anche in mezzo alla tempesta perfetta dei mercati è stato del più 18 per cento. Un'agricoltura giovane e moderna che potrebbe rappresentare una nuova via occupazionale (spesso individuale o a carattere famigliare)e ridarebbe fiato e popolazioni anche ai centri minori in via di spopolamento. Va forte il modello umbro agricoltura-biologico-turismo-agriturismo: più 8 per cento delle presenze.

Ma l'agricoltura, secondo gli esperti consultati dal Sole 24 ore, da sola può soltanto guarire alcune ferite della crisi anche in caso di forte espansione. "Non ci sono le condizioni che possa sostituire il settore del manifatturiero che continuerà a soffrire producendo disoccupazione nel futuro": l'analisi porta la firma del presidente di Confindustria Umbria, Umbro Bernardini. E anche Marco Caprai di Confagricoltura ammette che "il mancato accesso al credito da parte dei giovani è un freno per una espanzione del settore in maniera incisiva". Insomma una via possibile ma difficile per chi non ha capitali e terreni ereditati. Da tenere sottocchio il mercato dei casolari con terreni: in Umbria i prezzi sono scesi molto e possono rappresentare anche uno stimolo per investire in strutture ricettive e agricole al tempo stesso. Senza dover per forza svendere agli investitori stranieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento