rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Il castagnaccio toscano, dolce perfetto per l'autunno

Tipico della vicina Toscana, questo dolce è molto preparato e amato anche in Umbria

  • Categoria

    Dessert
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    Preparazione: 10 minuti Cottura:35 minuti Tempo totale:45 minuti

Ingredienti

50 g uvetta

1 cucchiaio vinsanto

250 g farina di castagne

1 pizzico di sale

400 ml acqua

20 g pinoli

50 g noci

1 rametto di rosmarino

Olio extravergine di oliva

Procedimento

Scaldare il forno a 180°C e mettere l'uvetta in ammollo in una ciotolina con un po’ di acqua tiepida e un cucchiaio di vinsanto.

Setacciare la farina di castagne in una ciotola ampia e aggiungere un pizzico di sale.

Versare poi l’acqua poca per volta, mescolando continuamente così che che non si formino grumi. Unire l’uvetta strizzata e metà dei pinoli e delle noci. Mescolare ancora per distribuire bene gli ingredienti.

Ungere con abbondante olio extravergine di oliva una teglia rotonda di 26 cm di diametro e riempirla con l’impasto del castagnaccio.

Cospargere la superficie con i rimanenti pinoli, noci, e aghi di rosmarino. Passare un filo d’olio e infornare in forno caldo.

Cuocere per circa 25-30 minuti, fino a che il castagnaccio non sarà asciutto in superficie, con una trama di rughe sottili, e ancora morbido al suo interno.

Si può mangiare tiepido o freddo.

La ricetta

Con l'arrivo dell'autunno le figlie che cadono, i primi freddi che si fanno sentire, è imposisbile non pensare al caldo tepore di casa. E magari a un dolce da consumare insieme a una tazza di tè o tisana, insieme ai propri cari. Ecco che, tipico di questa stagione, il castagnaccio è un preparato toscano che si può facilmente realizzare in pochi passaggi. Vediamo in che modo.

La farina di castagne

Ingrediente base del castagnaccio è ovviamente la farina di castagne. La buona riuscita del dolce dipende quasi esclusivamente dalla farina che si usa. Dato che non si aggiunge zucchero all’impasto, la farina di castagne dovrebbe essere di per sé dolce e gustosa, infatti in Toscana è chiamata anche farina dolce.

Il periodo migliore per comprarla è in realtà a dicembre, dal momento che le castagne vengono raccolte a mano, essiccate per quaranta giorni in strutture apposte con fuoco prodotto esclusivamente da legno di castagno e poi macinate nei mulini a pietra della zona.

Una volta messa in bocca la sua consistenza farinosa si scioglie e sprogiona la dolcezza e il sapore inconfondibile della castagna.

La storia del castagnaccio toscano

Il castagnaccio è un dolce antico, nato in un'epoca in cui la povertà e le ristrettezze venivano superate con l’inventiva delle massaie. Nella versione più semplice, infatti, bastava mescolare un po’ di farina di castagne con acqua, olio e rosmarino per infornare un dolce saporito, quasi affumicato, dalla consistenza densa, quasi di budino.

Anche se si origini antiche, il castagnaccio è anche un dolce sorprendentemente moderno. Privo di zucchero, è fatto naturalmente senza glutine e senza latticini e nelle versioni più ricche è impreziosito dalla frutta secca e dall’uvetta. L’ingrediente fondamentale, però, resta la farina di castagne.

Con l'arrivo dell'autunno le figlie che cadono, i primi freddi che si fanno sentire, è imposisbile non pensare al caldo tepore di casa. E magari a un dolce da consumare insieme a una tazza di tè o tisana, insieme ai propri cari. Ecco che, tipico di questa stagione, il castagnaccio è un preparato toscano che si può facilmente realizzare in pochi passaggi. Vediamo in che modo.

La farina di castagne

Ingrediente base del castagnaccio è ovviamente la farina di castagne. La buona riuscita del dolce dipende quasi esclusivamente dalla farina che si usa. Dato che non si aggiunge zucchero all’impasto, la farina di castagne dovrebbe essere di per sé dolce e gustosa, infatti in Toscana è chiamata anche farina dolce.

Il periodo migliore per comprarla è in realtà a dicembre, dal momento che le castagne vengono raccolte a mano, essiccate per quaranta giorni in strutture apposte con fuoco prodotto esclusivamente da legno di castagno e poi macinate nei mulini a pietra della zona.

Una volta messa in bocca la sua consistenza farinosa si scioglie e sprogiona la dolcezza e il sapore inconfondibile della castagna.

La storia del castagnaccio toscano

Il castagnaccio è un dolce antico, nato in un'epoca in cui la povertà e le ristrettezze venivano superate con l’inventiva delle massaie. Nella versione più semplice, infatti, bastava mescolare un po’ di farina di castagne con acqua, olio e rosmarino per infornare un dolce saporito, quasi affumicato, dalla consistenza densa, quasi di budino.

Anche se si origini antiche, il castagnaccio è anche un dolce sorprendentemente moderno. Privo di zucchero, è fatto naturalmente senza glutine e senza latticini e nelle versioni più ricche è impreziosito dalla frutta secca e dall’uvetta. L’ingrediente fondamentale, però, resta la farina di castagne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il castagnaccio toscano, dolce perfetto per l'autunno

PerugiaToday è in caricamento