Viveva in una casetta di legno tra rifiuti, animali malati e ratti: non aveva né letto né bagno

Doveva essere una operazione anti-maltrattamento di animali presso un casetta di legno alla periferia di Sellano in Valnerina. Ma alla fine è stata un'azione fondamentale per salvare una donna

Doveva essere una operazione anti-maltrattamento di animali presso un casetta di legno alla periferia di Sellano nel folignate. Ma alla fine è stata un'azione fondamentale per segnalare ai servizi sociali lo stato di povertà e malattia in cui versava una donna. Fuori dall'abitazione tanto sporco, degrado cani malatti e legati con dei fili elettrici e un odore insopportabile. 

A quel punto, presi in carico gli animali, si è deciso di entrare nell'abitazione in legno - la task-foce formata da veterinaio dell'Asl, sindaco di Sellano, Carabinieri Forestali e personale di Igiene Pubblica -. Una volta dentro è stato scoperto un dramma nel dramma: tutto l’ambiente emanava un forte stato di abbandono e incuria, il pavimento risultava sporco ed appiccicoso, c’erano vaste macchie di muffa sui muri. La donna dormiva terra in mezzo ai rifiuti e non aveva un bagno per l'igiene personale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La casa è stata considerata inagibile e la donna è stata presa in cura da una casa protetta a Foligno dopo un trattamento sanitario obbligatorio.     
                                  
SALVATAGGIO DEGLI ANIMALI - È stato di fatto impossibile quantificare il numero di gatti perché entravano e uscivano dai locali. Tutti gli animali erano in stato di denutrizione ed affetti da parassitosi. Uno dei gatti aveva una zoppia ad un arto anteriore, e un cane (la femmina) presentava una lesione cutanea sul fianco destro. I cani sono stati subito regolarizzati dal veterinario attraverso l’inserimento del prescritto microchip, ed affidati poi alle cure Ospedale Veterinario Universitario Didattico di Perugia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento