Vite al limite, in Umbria uno dei centri chirurgici di eccellenza anti-obesità. Operato paziente di oltre 200 chili

In Umbria la piaga dell'obesità è in costante crescita. Ecco a chi rivolgersi, gli strumenti utilizzati, le soluzioni possibili. Ma prima sei mesi di monitoraggio da parte di un team di esperti

Vite al limite a causa dell'obesità. Il rischio di una mortalità prima dei 40 anni. Una piaga che necessità, nei casi di grande obesità, di un intervento chirurgico complesso e non privo di rischi. In Umbria sono 80mila le persone sovrappeso e obese. La struttura ospedaliera di riferimento è il reparto di chirurgia bariatrica dell’ospedale “San Giovanni Battista” di Foligno diretta dal dr. Marcello Boni; dove si eseguono gli interventi di sleeve gastrectomy, bypass e mini bypass gastrico grazie ad team multidisciplinare altamente qualificato che puo contare anche dellaa struttura ospedaliera di Spoleto. I macchinari per intervenire chirurgicamente sono all'avanguardia: come il robot DaVinci in funzione al “S. Matteo degli Infermi” e la Laparoscopia 4 k in arrivo a breve all’ospedale di Foligno. Il centro anche quest’anno è stato accreditato dalla Società Italiana di Chirurgia Bariatrica e Metabolica.

Lunedì scorso è stato eseguito con successo a Foligno, dall’équipe composta dai chirurghi Marcello Boni e Maria Teresa Federici e dall’anestesista Daniela Damiani, l’ennesimo intervento su un paziente di oltre 200 Kg. Dopo il trattamento il paziente, per 24 ore, è stato seguito dallo staff della terapia intensiva e ha proseguito poi, in ottime condizioni di salute, il decorso nel Day Hospital di Chirurgia. 

Invece all’ospedale di Spoleto, il gruppo chirurgico coordinato dal direttore della struttura complessa di Chirurgia di Foligno ed esperto di chirurgia robotica dr. Graziano Ceccarelli e composto dai dottori Marcello Boni, Giuliano Metastasio e Maria Teresa Federici, assistiti dai colleghi anestesisti, ha eseguito con tecnica robotica, per due casi di particolare complessità, un By Pass Gastrico ed una Sleeve Gastrectomy. Gli interventi chirurgici sono perfettamente riusciti.

“L’obesità - spiega il dr. Marcello Boni - è una vera piaga, ingravescente, della società moderna. L’obesità trascina con sé malattie metaboliche, diabete, cardiopatia, insufficienza respiratorie e apnee notturne.La chirurgia bariatrica - conclude il professionista - è il risultato di un team multidisciplinare che lavora sul paziente, formato da dietisti, psicologi/psichiatri, gastroenterologi, cardiologi e pneumologi. Alla fine del percorso di preospedalizzazione di circa sei mesi, vengono valutati tutti gli esami svolti e si sceglie l’intervento migliore per il paziente”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Follia sul treno: ha il biglietto, ma picchia lo stesso il controllore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento