menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza sessuale, l'assistente sociale ci "prova" con una mamma in crisi

Un assistente sociale è stato accusato di tentata violenza sessuale ai danni di una sua assistita: madre di tre figli e in crisi con il marito. Che denuncia tutto e parte il processo

La storia parte da lontano; Frosinone per l’esattezza. Ma il caso finisce davanti a la Corte perugina. Una vicenda complicata che cela tra i carteggi di un processo aperto per violenze sessuali il dramma di una crisi familiare.

Un intreccio fatto di relazioni sotterranee e avance poco gradite. Il "Casanova" in questione è un assistente sociale che incontra per lavoro più volte una madre di tre figli, ormai in dirittura d’arrivo con il marito. L’uomo la consola e le mostra una via d’uscita, portando avanti quello che è il suo lavoro. 

Ma l’uomo non ci pensa due volte e inizia a fare delle esplicite avance: almeno così’ apparirebbe dalle testimonianze anche alla madre dei tre figli. L’assistente sociale, infatti, in alcuni incontri sfiora i fianchi della donna e una volta, in particolare, le avrebbe palpato anche il seno. Non gradisce il comportamento la vittima che, sentendosi indifesa in un momento particolare della sua vita, corre ai ripari denunciando  l’uomo. Il caso deve essere ancora chiuso. Nel frattempo l’assistente sociale non ha smesso di seguire famiglie in crisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento