menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pretende di dormire a casa della ex, scoppia la lite e poi la picchia: 43enne denunciato

La Polizia ha notificato il provvedimento del Questore di “ammonimento” a carico di un 43enne per maltrattamenti in famiglia nei confronti della ex moglie

Alcuni giorni fa la Polizia ha notificato il provvedimento del Questore di “ammonimento” a carico di un 43enne, responsabile di maltrattamenti in famiglia nei confronti della ex moglie.

La coppia viveva ormai separata di fatto da almeno dieci anni, tanto che lui si era rifatto una vita accanto a un’altra compagna.  Ma l’uomo, nonostante ciò, aveva continuato ad instaurare un rapporto estremamente conflittuale con la ex coniuge, sfociato spesso in minacce ed aggressioni, non solo verbali, alle quali avevano spesso assistito le tre figlie minori della coppia.

LA  situazione è culminata una sera di qualche giorno fa, quando l’ex è ritornato nella casa famigliare di cui  aveva ancora le chiavi. Al rientro della donna con due delle figlie, l’uomo ha riferito di avere intenzione di passare la notte nell’appartamento perchè a casa della nuova compagna c’erano alcuni parenti di lei.

Di fronte a quella richiesta, tra i due è così scaturita una violenta lite durante la quale l’uomo era passato alle vie di fatto, iniziando a prenderla per i capelli e schiaffeggiarla. Di fronte a quella scena, una delle figlie era intervenuta cercando di difendere la madre e riuscendo infine a contattare il 113.

All’arrivo della Volante, la donna con le due minori ha spiegato ai poliziotti di essere scesa per strada per cercare riparo e, visibilmente scossa, aveva spiegato ai poliziotti l’accaduto e affidata alle cure del 118 dove i medici le hanno riscontrato una contusione al volto.  I poliziotti hanno rintracciato l’uomo ancora nell’appartamento e portato in Questura, è stato denunciato per maltrattamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento