rotate-mobile
Cronaca

Perugia, 90enne molesta la badante: sotto processo per violenza sessuale

L'uomo avrebbe approfittato del rapporto di lavoro per pretendere del sesso

Molestie sulla badante e minacce di licenziamento se non si fosse concessa. Sono le accuse contestate in Tribunale a un 90enne della provincia di Perugia.

L’uomo, difeso dagli avvocati Daniela Paccoi e Guido Maria Rondoni, è stato accusato dalla collaboratrice domestica, che ha raccontato le continue molestie subite durante l’orario di lavoro.

Nel capo d’imputazione viene contestato all’uomo di aver approfittato del rapporto di lavoro subordinato, di avere minacciato la donna di licenziamento, di farla finire per strada, se avesse detto qualcosa o si fosse rifiutata di fare seso con lui.

In più occasioni, proseguono le imputazioni, l’anziano si sarebbe strusciato sulla donna mentre lavorava, oppure le avrebbe toccato il seno e il pube.

Violenze che sarebbero durate fino al termine del rapporto di lavoro e che avrebbero provocato uno stato d’ansia nella vittima, costituitasi parte civile tramite l’avvocato Francesca Pieri.

I giudici del Collegio del Tribunale penale di Perugia hanno aperto il dibattimento, accogliendo le richieste di prova delle parti, e rinviato per ascoltare i primi testimoni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, 90enne molesta la badante: sotto processo per violenza sessuale

PerugiaToday è in caricamento