menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Albergatore insospettabile indagato: l'accusa è di violenza sessuale su due sorelline

Chiuse le indagini per un albergatore 90enne, titolare di una struttura ricettiva alle porte di Perugia. Per l'accusa avrebbe palpeggiato e molestato due sorelline di 11 e 9 anni

Chiuse le indagini per un albergatore di 90 anni, inquisito dalla procura di Perugia per violenza sessuale nei confronti di minori. Due sorelline di appena nove e sei anni, che sarebbero state al centro delle morbosità dell’uomo – è questa l’accusa – durante la loro permanenza in una struttura ricettiva alle porte di Perugia. Le due sorelle, residenti nel Nord Italia, in vacanza in Umbria con la famiglia, sarebbero state molestate dall’albergatore, un fatto gravissimo che portò alla denuncia nei suoi confronti e all’apertura delle indagini per cercare di far luce sulla vicenda.

I fatti contestati risalirebbero ad aprile dell’anno scorso: qui, stando alla ricostruzione accusatoria, il 90enne avrebbe approfittato della presenza delle due sorelline, mentre stavano giocando negli spazi pertinenti alla struttura, da lui gestita e dopo aver carpito la loro fiducia, le avrebbe costrette a subire atti sessuali, consistiti in palpeggiamenti e toccamenti nelle parti intime delle bimbe. Prima con una delle piccole e contestualmente, con l’altra minore, “infilandole la mano sotto i pantaloni”.

Intanto lo scorso ottobre le due bambine erano state ascoltate dal gip del tribunale di Perugia nella forma di incidente probatorio e in audizione protetta, alla presenza del perito e psicologo infantile, Agnese Protasi. Una vicenda, questa, che sarebbe emersa a seguito del racconto di una delle sorelline ai genitori, al rientro nella loro città d’origine.

La difesa dell’indagato, l’avvocato Michele Iacomi, ha chiesto l’interrogatorio per il suo assistito che – spiega – non solo si ritiene estraneo a tutte le accuse a lui addebitate, ma vuole essere ascoltato dal giudice per chiarire la sua posizione ed avere modo di poter raccontare la sua versione dei fatti. Intanto è stato notificato l’avviso 415 bis all’indagato, in attesa di un eventuale richiesta di rinvio a giudizio a suo carico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento