menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre anni di reclusione al prof di scuole medie accusato di aver molestato un'alunna

L'uomo è stato condannato per "violenza sessuale su minore". Oggi l'arringa della difesa e la sentenza di primo grado per un professore di scuole medie

Violenza sessuale su minori, con l’aggravante di aver commesso il reato nella sua veste di insegnante. E’ questa l’accusa mossa ad un cinquantenne, all’epoca dei fatti professore in una scuola media nella provincia di Perugia, oggi condannato a tre anni di reclusione, 5 anni di interdizione dai pubblici uffici e interdizione perpetua da incarichi riguardanti uffici e servizi ai minori. Per l’imputato-difeso dagli avvocati Nicola Cittadini e Franco Bizzarri- il pm, nell’udienza del 13 dicembre, aveva chiesto una condanna di sette anni, ma il giudice ha riconosciuto “la minore gravità” nei reati sessuali (art 609 comma 3) ed ha condannato in primo grado l'imputato a tre anni.

Tutto è partito da una denuncia querela sporta dalla madre di una piccola bambina di 11 anni, a cui l’uomo avrebbe messo le mani sui fianchi; un gesto-secondo la difesa-interpretato in maniera fuorviante dalla piccola. Ma poi un anno dopo, ascoltata in incidente probatorio, quelle mani sui fianchi sarebbero scivolate più in basso. E poi ci sarebbe quella scala secondaria, in cui l’uomo avrebbe condotto l'alunna in biblioteca, parlandogli di un invito al Centro commerciale. E sarebbero stati ancora i genitori degli alunni, a contestare al professore atteggiamenti non proprio in linea con la sua figura di adulto e di educatore, come le mani sul collo ai ragazzini, in particolare contro un'altra studentessa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento