Racconto choc: “Mia figlia violentata in un garage e costretta a fare i versi degli animali”

La vicenda è finita in tribunale. Fu il papà a sporgere denuncia dopo che la ragazzina trovò il coraggio di raccontare tutte le violenze e le umiliazioni subite

E’ un racconto raccapricciante e doloroso, di quelli che un padre non dovrebbe mai vivere. La sua giovane figlia, all’epoca dei fatti ancora minorenne, umiliata, picchiata e violentata. A fare da sfondo all’orrore, uno squallido garage alla prima periferia di Perugia dove qualcuno si è approfittato di tutte le fragilità e dell’ingenuità di questa giovane ragazza non ancora affacciata all’età adulta. Senza pietà.

Siamo nel 2012 e a sporgere denuncia è il papà della ragazzina. E’ lei a scoperchiare quel vaso di pandora che la stava inghiottendo, è lei a confidare tutto il male che le stavano facendo. La ragazza trova così la forza di raccontare al padre i suoi problemi con la droga, ma soprattutto di aver subito ripetute violenze sessuali da un ragazzo di origini nordafricane, che la teneva "sotto scacco" proprio a causa della sua dipendenza. 

Ma c'è di più perchè la ragazza sarebbe stata costretta a subire anche  bruciature di sigarette sul corpo e tagli con il coltello, senza contare le umiliazioni patite da richieste assurde, come quella di fare "il verso del maiale mentre subiva la violenza sessuale" anche davanti ad altri connazionali. E questo sotto minaccia di morte se solo avesse parlato con qualcuno. Derisa e picchiata, finita anche in ospedale a causa delle sostanze da taglio della droga. 

 Nei confronti dell'imputato fu emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, poi il rinvio a giudizio e l'inizio del processo, tutt'ora in corso. Oggi, dinanzi al secondo collegio presieduto dal giudice Amodeo, a latere Loschi e Grassi, doveva essere ascoltata la vittima (difesa dall'avvocato Giusi Mazziotta) ma l'udienza è stata rinviata ad ottobre per l'ascolto dei testi pm e la querela è stata acquisita ai fini probatori. Almeno la ragazza, oggi maggiorenne, scossa ancora da quelle ferite insanabili, sarà risparmiata dal dover ripercorrere quell'incubo a occhi aperti e oggi, a distanza di quasi sei anni, spera solo in una sentenza. Per poter gettarsi tutto alle spalle e ricominciare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento