Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Violenze sessuali su tre minorenni, il giudice rimette in libertà il 19enne accusato di stupro

Il perito ha confermato le violenze raccontate dalle vittime. Il giovane affidato alla madre in attesa di entrare in comunità di recupero

Si è chiuso con la conferma delle violenze sessuali sulle tre giovani minorenni da parte del 19enne Fernando Polzoni. Il perito medico legale ha confermato tutti gli episodi fisici denunciati dalle ragazze che erano state stuprate dal ragazzo in centro storico a Perugia e nel parcheggio di un centro commerciale a Corciano.

Al termine dell’udienza il giudice per le indagini preliminari, anche sulla base di una certificazione depositata dai difensori del giovane, gli avvocati Daniela Paccoi e Guido Rondoni, con la quale si chiede di autorizzare un ricovero in comunità, anche perla dipendenza da alcol e droga ammessa dal ragazzo e per i problemi psichiatrici emersi in cinque mesi di detenzione, ha deciso per la scarcerazione dell’indagato, affidandolo alla madre. La notizia è riportata nell'edizione odierna de Il Corriere dell'Umbria.

Le vittime del giovane accusato di violenza sessuale avevano confermato davanti al giudice quanto già raccontato nelle loro denunce, ricostruendo le violenze avvenute in centro storico e nel parcheggio di un centro commerciale. Tutte avevano raccontato come il 19enne non aveva rispettato il loro diniego, agendoo con forza e violenza. Una ragazzina era stata abusata il 10 giugno scorso, in un vicolo del centro storico (la stessa sera avrebbe molestato un’amica della ragazza stuprata); un’altra minorenne aveva detto di essere stata violentata il 12 gennaio 2020, sulla rampa di scale di un parcheggio di un centro commerciale (in questo caso la ragazzina era già stata molestata 3 anni fa quando aveva 11 anni); altra violenza il 1 gennaio del 2019, quando il giovane avrebbe abusato di una ragazza di 17 anni, sempre in un vicolo del centro storico.

Il 19enne ha ammesso di aver commesso gli stupri, ma di non aver avuto il pieno controllo di sé in quanto aveva bevuto e usato droghe, Ma non esiste nessuna giustificazione per la condotta delittuosa commessa.  Adesso la Procura di Perugia potrebbe chiudere il fascicolo d’indagine e chiedere il rinvio a giudizio del giovane, o molto probabilmente il rito immediato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenze sessuali su tre minorenni, il giudice rimette in libertà il 19enne accusato di stupro

PerugiaToday è in caricamento