Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

La costringe a un violento rapporto sessuale e le provoca una emorragia: ex rinviato a giudizio

Una storia di violenze familiari finita con una denuncia, la misura dell'allontanamento e divieto di avvicinamento alla ex moglie e un rinvio a giudizio che gli costerà un processo per maltrattamenti e violenza sessuale

Una storia di violenze familiari e umiliazioni, finita con una denuncia e il divieto di avvicinamento alla ex moglie, oltre a una richiesta di rinvio a giudizio che ora gli costerà un processo per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. L'imputato, un uomo di origine nordafricana e residente da tempo a Perugia, è stato rinviato a giudizio questa mattina dal gip Piercarlo Frabotta e per lui si apriranno le porte del processo penale dopo aver picchiato, maltrattato e in una occasione costretto la moglie a subire un violento rapporto sessuale, tanto da provocarle una emorragia.

I fatti denunciati dalla donna - parte civile con l'avvocato Maurita Lombardi, legale in prima linea contro la violenza di genere - risalirebbero fino al 2016; nel corso della loro convivenza, spesso perchè la moglie si sarebbe opposta al vizio del marito di giocare alle slot machine, l'avrebbe picchiata con schiaffi e pugni, costringedola - ubriaco - a subire un rapporto contro la sua volontà, sbattendola a terra e continuando ad inveire contro di lei e davanti ai loro figli piccoli.  Dicendole che "l'avrebbe lasciata morire là a terra, perché lo meritava". Scrive il pm Annamaria Greco: "Sottoponeva la coniuge a un clima di vita intollerabilmente lesivo della sua integratità, instaurando un clima di terrore per lei e i suoi figli". Ora per l'uomo, difeso dall'avvocato Piazzoli , inizierà il processo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La costringe a un violento rapporto sessuale e le provoca una emorragia: ex rinviato a giudizio

PerugiaToday è in caricamento