Un mostro in famiglia: abusi su una 13enne e violenza psicologica su un bimbo disabile

La drammatica vicenda è finita in tribunale. Oggi si è proceduto a completare l'istruttoria dibattimentale. La ragazzina a 13 anni. Una storia terribile

Aveva iniziato a procurarsi delle incisioni sulla braccia. Atti di autolesionismo compiuti dopo essere stata ripetutamente violentata dal patrigno. Protagonista della drammatica vicenda una ragazzina di soli 13 anni che, alla fine, è riuscita a raccontare l'orrore vissuto tra le mura domestiche. Un incubo durato per anni e finalmente finito grazie alla drastica decisione della madre di lei. La donna, sfinita, ha trovato infatti il coraggio di mettere il compagno alla porta, riuscendo così a riportare una parvenza di serenità in famiglia.

La drammatica vicenda è finita in tribunale. Oggi si è proceduto a completare l'istruttoria dibattimentale davanti al giudice Nicla Restivo. Durante l'udienza sono stati ascoltati i testimoni della difesa che hanno ripercorso alcuni gravi episodi di violenza, subiti, non solo dalla figlia, ma anche dalla ex compagna. La donna, presente in aula e difesa dall'avvocato Leonardo Romoli, è rimasta in silenzio mentre gli amici del tempo ripercorrevano gli episodi di quei terribili anni di violenza e soprusi.

Tra le vittime, non solo madre e figlia, ma anche il bambino nato da quell'unione e portatore di gravi patologie invalidanti. L'uomo, vergognandosi di quel figlio, non avrebbe infatti in alcun modo provveduto al suo mantenimento. Ma non solo, perché stando a quanto emerso in aula oggi, l'imputato avrebbe inoltre ignorato la sua esistenza, facendo finta che non fosse mai nato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In base a quanto si legge nel capo d'imputazione, l'uomo sarebbe arrivato al punto tale di “staccare e riattaccare più volte il contatore della luce elettrica dell'abitazione in ore notturne così cagionando stati di panico nei figli minori ed in particolare nel bimbo portatore di handicap”. Sempre quest'ultimo avrebbe subito minacce come "ti taglio la testa". Preso, infine, da una rabbia cieca “avrebbe più volte minacciato di morte la propria compagna”. Gesti raccapriccianti e che alla fine hanno spinto la donna a ribellarsi, riuscendo così a regalare nuovamente una vita dignitosa ai suoi figli che pagheranno comunque per sempre la violenza di un uomo senza scrupoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento