Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Valfabbrica

Casolare dilaniato, il pm incarica l'ex vigile del fuoco per fare luce sulle cause dell'esplosione

Montemezzo di Valfabbrica, nello scoppio è morto un 60enne e sono rimasti feriti la compagna e una coppia che abitava l'appartamento vicino

Il sostituto procurato Franco Bettini ha nominato l’ingegnere Maurizio Fattorini, funzionario dei Vigili del fuoco in pensione, consulente tecnico per lo svolgimento di una perizia sull’esplosione di un casolare a Montemezzo di Valfabbrica dove è morto un uomo di 60 anni e sono rimasti feriti la compagna e gli occupanti l'appartamento vicino.

Il pm ha incaricato Fattorini di accertare “previo esame della documentazione in atti e di quella che sarà acquisita nel corso della indagini ed eventualmente acquisita dal consulente tecnico per lo svolgimento del presente incarico, la dinamica dell’evento e le cause che lo hanno determinato con riferimento alla regolarità tecnica e fattuale degli impianti a servizio dello stabile oggetto dell’esplosione, delle modalità ed al punto di innesco dell’evento, individuando eventuali profili di responsabilità dolosa o colposa. Quanto altro utile a fini di giustizia”.

Esplosione a Montemezzo, devastato casolare: muore uomo sotto le macerie, grave la moglie. Miracolata la coppia del primo piano

Il consulente tecnico Fattorini ha chiesto 90 giorni per espletare le richieste.

L’imputato, difeso dall’avvocato Alessandro Ricci, ha nominato l’ingegnere Francesco Zucconi come consulente tecnico, mentre le parti offese, con gli avvocati Giuseppe Caforio hanno scelto il dottor Piero Paglicci Reattelli, mentre l’avvocato Franco Libori si è riservato la nomina di un consulente.

Unico attuale indagato è il proprietario dell’immobile con le contestazioni di crollo colposo di edificio e omicidio colposo.

Le persone offese sono i figli della vittima, un 60enne cittadino indiano, la sua compagna e gli ospiti dell’altro appartamento coinvolto dall’esplosione, assistiti dai legali Franco Libori e Giuseppe Caforio.

Esplosione nel casolare a Montemezzo, il bollettino medico per i tre feriti: miracolata la compagna italiana della vittima

Il pm Franco Bettini ha conferito incarico a due consulenti tecnici: il dottor Lancia per l’autopsia, già svolta e di cui si attende il deposito della relazione, e l’ingegner Fattorini per verificare dinamica e la causa dell’esplosione. Le operazioni tecniche per queste ultime verifiche inizieranno la prossima settimana.

“L’immobile, composto da due appartamenti, era già affittato da molti anni. Non si erano mai verificati problemi. Dalla documentazione già acquisita risulta la regolarità di tutte le autorizzazioni e certificati necessari per l’abitabilità e la concessione in locazione, così come quelle degli impianti a servizio – dichiara l’avvocato Alessandro Ricci, difensore dell’imputato - La gestione dei singoli appartamenti avveniva, come in ogni ordinaria locazione, direttamente da parte dai locatari (mobilia interna, gestione utenze e quant’altro). Appare difficile ravvisare a carico del proprietario dell’immobile, per il solo fatto di essere proprietario, qualsivoglia forma di responsabilità specie se, come sembra, l’esplosione sia riconducibile ad una imprevedibile fuga di gas”.

VIDEO Esplosione, casolare dilaniato: un morto, le immagini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casolare dilaniato, il pm incarica l'ex vigile del fuoco per fare luce sulle cause dell'esplosione

PerugiaToday è in caricamento