rotate-mobile
Cronaca Città di Castello

VIDEO Coronavirus, Città di Castello: da brividi il concerto del maestro Battistelli davanti all'ospedale

In un silenzio spezzato solo dal vento e dalle note del suo clarinetto, il musicista tifernate ha suonato 'The Mission' di Morricone emozionando un manipolo di medici e infermieri

Un manipolo di medici e infermieri in camice, con la mascherina sul volto e l'ospedale alle loro spalle in un silenzio rotto solo dal vento e poi dalle note di un clarinetto. Un concerto da brividi quello che il maestro tifernate Fabio Battistelli ha dedicato ai pazienti del nosocomio di Città di Castello e ai medici e operatori sanitari che da settimane sono in prima linea nell’affrontare l’emergenza coronavirus.

Arte e bellezza: tanta Umbria nel documentario per i 500 anni dalla morte di Raffaello

“The Mission”, colonna sonora dell'omonimo film del 1986 di Roland Joffé, è il brano indimenticabile scritto dal grande maestro Ennio Morricone ed seguito dal musicista tifernate, che ha strappato un lungo e commovente applauso di riconoscenza ai pochi presenti, tutti a distanza di sicurezza l'uno dall'altro. “Io suono da casa, ogni domenica un momento di musica, perché la musica unisce e ci fa sentire vicini - spiega Battistelli -. Questa volta però ho deciso di venire quassù davanti all’ospedale per qualche minuto, in disparte e cercare di regalare un sorriso e speranza a tutti coloro che da settimane rischiano la loro vita per noi e per il bene della collettività. L’ho fatto in musica, ancora grazie”.

Dal sindaco, Luciano Bacchetta, al Commissario Straordinario della Usl Umbria 1, Silvio Pasqui, al direttore medico di presidio facente funzione, Giuseppe Vallesi (che ha seguito in diretta l’inedito concerto assieme ad altri colleghi e sanitari) sono giunti messaggi di ringraziamento. "Una bella e inedita pagina di vita quotidiana e unità di intenti per combattere insieme la battaglia contro il Coronavirus - ha detto il sindaco tifernate Luciano Bacchetta -. Anche questi momenti poi condivisi da casa attraverso la rete consentono a tutti di stare uniti e manifestare la solidarietà e vicinanza soprattutto a coloro che sono in prima linea a partire dai medici e sanitari, fino alle forze dell’ordine e Protezione Civile. Grazie”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VIDEO Coronavirus, Città di Castello: da brividi il concerto del maestro Battistelli davanti all'ospedale

PerugiaToday è in caricamento